Gravidanze imbarazzanti

Articolo pubblicato il 26 ottobre 2005
Articolo pubblicato il 26 ottobre 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il matrimonio e il parto, pilastri dell’istituzione della famiglia, sono di solito dei momenti di gioia collettiva. “To be pregnant” in inglese, “enceinte” in francese e incinta in italiano designano chiaramente e semplicemente la gestazione. Nulla, a prima vista, che possa ostacolare il piacere della maternità. Ora la parola spagnola “embarazada” non sembra espressione d’una concezione così entusiasta della grossezza, se lo si riferisce a due suoi false friend internazionali: il britannico “embarassed”, e il gallico “embarassée”. Un pessimismo confermato dal doppio significato della parola “esposas”, che evoca tanto una sposa quanto un paio di manette. Del resto la parola “mar” in francese non deve essere confusa col suo vecchio omonimo “marri”, che significa annoiato o confuso. «L’umanità intera comprende le gioie del focolare» scriveva lo scrittore francese Chateaubriand. Compresa l’Europa del Sud?