Gli album del 2008 secondo la redazione

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2008
Articolo pubblicato il 18 dicembre 2008
L’indie rock dei Mogwai dalla Scozia, gli italo-inglesi Disco Drive, Maria Peszek che ha scandalizzato la Polonia, Moriarty disco d’oro in Francia e Nena Daconte, pop iberico. Il meglio delle uscite discografiche del 2008 secondo la redazione di cafebabel.com.

Moriarty, Gee Whiz But This Is a Lonesome Town

I franco-americani sono stati una rivelazione per il pubblico francese durante i festival estivi. Uscito per la prima volta nell’ottobre del 2007, il loro secondo albumn Gee Whiz but this is a lonesome town, è stato ristampato nel novembre del 2008 ed ora è disco d’oro. Un sound bluegrass che affonda le sue radici nel folk Americano pre-Dylan: Jimmy evoca Steinbeck e ci racconta la mitologia del Far West con una voce calda e femminile. Probabilmente la più bella scoperta francese dell’anno.

Naïve Records, France

(Video: otus1/ Youtube)

Disco Drive, Things To Do Today

Hanno l’apparenza tedesco-scandinava, cantano in inglese e vivono tra Londra, Torino e Milano. La band indie-punk, formata nel 2002, rifiuta di essere definita. Si dividono la voce e gli strumenti, quindi puoi vederne uno urlare dentro la chitarra mentre un altro corre attraverso il palco e un terzo si occupa delle percussioni. La loro musica è frenetica come le loro performance: basta ascoltare il caos provocato dal crescendo di Goodbye o l’energico grido di It’s a Long Way to the Top. Il terzo album uscirà nel 2009.

Unhip Records, Italia

Maria Peszek, Maria Awaria

Maria the failure, della cantante e attrice the Maria Peszek, 35 anni, è stato uno scandalo in Polonia per i temi sessuali apertamente affrontati. La cantautrice racconta di passione, odio e sesso in chiave autobiografica. In Kobiety pistolety (Donna-pistola), ci canta: «Per mia convenienza / ho coltivato il mio giardino e collezionato le erezioni / Sono 162 centimetri paradiso cresciuto selvaggiamente». Il disco più venduto è stato wulgaryzm magiczny, magica volgarità.

Emi Poland

Mogwai, the hawk is bowling

Un gruppo scozzese che quest’anno ha fatto uscire il settimo album, The hawk is bowling. Post rock? Probabile. Un genere che è diventato un grande etichetta per definire cose che non sappiamo bene dove mettere e che spesso sono belle, ricche e contaminate.

Wall of sound, 2008

Nena Daconte, Retales de Carnaval

Spronati dal successo del loro primo album He perdido los zapatos (2006), il duo ha fatto uscire il secondo lavoro Pieces of Carnival, a settembre. Kim Fanlo, il bassista, ha incontrato Mai Meneses, la cantante dopo che lei è comparsa in Operación Triunfo (la versione spagnola di Saranno Famosi) La coppia, di Madrid e Barcellona, offre del pop leggero, facile e quasi adolescenziale: proprio come lo amiamo in Spagna.

Universal Music