Generazione X

Articolo pubblicato il 08 maggio 2008
Articolo pubblicato il 08 maggio 2008

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Generazione “qualcosa”: siamo davvero così? Siamo abituati a sentire genitori, di tutte le età e provenienza, rinfacciare ai figli l'indifferenza nei confronti del benessere conquistato dai loro predecessori. «Siete cresciuti nella bambagia», è una frase che un giovane europeo si sente dire almeno una volta nella vita.

La Generazione X, così venivano chiamati, dall'omonimo romanzo del canadese Douglas Coupland, i rampolli di tutta Europa nati negli anni Sessanta e Settanta, a indicare lo sbando, l’assenza di un’identità precisa e l’odio verso il consumismo dei genitori. La” lost generation” degli anni Novanta?

Ma in Europa ogni Paese ha dato un nome alle sue generazioni. In Polonia i giovani tra i Venti e i Trent’anni vengono definiti “Generazione Giovanni Paolo II” (Pokolenie JP2), perché dalla loro nascita non hanno vissuto nessun altro Papa e perché, nel 2005, ne hanno pianto profondamente la morte.

I giovani francesi si danno di più alla politica e scelgono François Mitterrand, come icona. Ma visto che non tutti si riconoscono nella Génération Mitterrand, è nata anche la Génération black blanc beur, simbolo del sogno della Francia multietnica e della vittoria ai Mondiali di calcio nel 1998. Anche in Inghilterra non si esita a usare gli idoli calcistici – alias Beckham e Rooney – per definire anche un periodo: ecco la Golden Generation.

E I tedeschi? Si identificano con l'automobile: Generation Golf(Generazione golf) è il nome del romanzo di Florian Illies, che descrive una generazione di benessere parassita, formata da giovani ossessionati dalle marche. E forse non è così sbagliato, visto che i giovani europei del benessere ne hanno sofferto. La prova? Le proteste della Generación precaria spagnola, della Génération précairefrancese, della "Generazione 1000 Euro" italiana o Generation Praktikum(Generazione stage) tedesca.

Il prodotto di tutto questo? I globetrotter a “lowbudget”, multiculturali e politicamente aperti al mondo: l’“Eurogenerazione”.

L'Eurogenerazione in un click:

Englisch: « Generation X! »

Polacco: « Pokolenie JP2 »

Spagnolo: « La generación de la Transición »

« Generación precaria »

Francese: « Génération Mitterrand »

« Génération Black-Blanc-Beur »

Italiano: « Generazione 1000 Euro »

Tedesco: « Generation Golf »

« Generation Praktikum »