Foto: il sogno cinese a Shanghai e Canton

Articolo pubblicato il 16 luglio 2008
Articolo pubblicato il 16 luglio 2008

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Le Olimpiadi si avvicinano in Cina: i preparativi si affrettano e le città cambiano forma, anche in maniera spettacolare. Immagini da un passaggio in mutazione.

La Cina di oggi: un cantiere senza fine che regolarmente, distrutto e ricostruito, rinasce dalle sue ceneri.

Il sogno cinese è quello di un Paese fiducioso.

Guardie rosse a Shanghai?

Un lavoratore in casa. Sogno senza utopia: questo è il pragmatismo di questo nuovo punto di vista imposto dall’alto.

Una Cina immensa, nella quale le metropoli possono essere altrettanto chiuse di un villaggio . La città è come un elemento estraneo che si è abbarbicato solo tardi un impero ancora rurale.

La città è una metafora a senso unico, che non tollera né il dubbio né il cedimento.

Tutte le foto e il testo sono di Boris Svartzman.