Farmacia o apotheke?

Articolo pubblicato il 19 luglio 2006
Articolo pubblicato il 19 luglio 2006

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Immaginiamo un francese perso a Manchester: non avrebbe nessun problema a capire che il negozio con l’insegna pharmacy è una farmacia. Nemmeno a Siviglia o a Napoli avrebbe problemi: spagnoli e italiani usano infatti il termine farmacia.

Più a nord un tedesco non avrà problemi a trovare una Apotheke in Olanda (apotheek) e a Cracovia (aptera). Persino in sardo antico si usava potecarìa, parola portata nell’isola dalla vicina Catalogna dove però oggi è caduta in disuso.

Entrambe le radici derivano, come molte parole mediche, dal greco, e significano “utilizzo di rimedi” nel caso di pharmakeia e luogo di deposito nel caso di apotheke.

Invece un americano in Europa non avrà tutta questa fortuna. Se si ammala a Marsiglia non potrà trovare nei nostri drugstores quello di cui ha bisogno. Se decide di partire oltre Manica a cercare le medicine gli spiegheranno che potrà trovarne in una chemistry e allora rischierà di ammalarsi veramente!