Expo 2015: Il Tempo delle Donne, l'iniziativa dedicata alle donne

Articolo pubblicato il 12 febbraio 2015
Articolo pubblicato il 12 febbraio 2015

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Uno fra i temi cardine dell'Expo 2015 che scatterà a Milano fra due mesi e mezzo è la sostenibilità, con la speranza che l'esposizione universale dia alla luce una visione nuova e meno esasperata dello sfruttamento delle risorse che la madre Terra mette a nostra disposizione.

Per certi versi si potrebbe sostenere che la sostenibilità è donna, ecco perché l'universo femminile riveste una grande importanza nel prossimo Expo. Una nuova visione della Terra passa anche da una visione rinnovata della donna e allo scopo di promuovere tale visione è nata l'iniziativa "Il Tempo delle Donne - Storie, idee, azioni per partecipare al cambiamento", promossa dal Corriere della Sera. L'altro tema portante della manifestazione è il cibo - come recita anche lo slogan "Nutrire il pianeta" - e anche in questo caso le donne sono in prima fila.

Secondo quanto riportato fra le ultimissime notizie che riguardano l'Expo 2015, saranno diversi gli appuntamenti dedicati al cibo organizzati all'interno dell'iniziativa "Il Tempo delle Donne" con il supporto di WE "Women for Expo". Numerosi saranno i contributi in tal senso, a partire da inchieste e docuweb realizzati esclusivamente da giornaliste, fra le quali troviamo Daniela Monti, Michela Mantovan e Angela Frenda. In collaborazione con "Oxfam Italia", invece, è stato organizzato l'incontro "Io Donna", che vedrà la partecipazione di sei scrittrici fra cui Candida Morvillo, Silvia Avallone, Beatrice Masini e Camilla Baresani.

Nel mondo del futuro, quello che si cercherà di delineare nel corso dell'Expo, rivestirà un ruolo ancor più importante la tecnologia e "Il Tempo delle Donne" ha guardato con interesse anche agli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione. In tanti restano convinti che la realtà tecnologica sia un mondo prevalentemente maschile, forse dimenticando che in questo momento in orbita sopra le nostre teste c'è Samantha Cristoforetti, prima donna italiana in assoluto ad andare nello spazio. Da più parti, inoltre, si ritiene che il web sia un luogo un poco ostile per le donne: ecco quindi l'inchiesta condotta da Marta Serafini e Serena Danna, con la collaborazione di Arianna Huffington, che illustreranno alcuni suggerimenti su come trasformare internet in un luogo che risulti migliore per le donne.

Questi appuntamenti avranno un'impostazione femminile ma non saranno dedicati in maniera esclusiva alle donne. La serie di incontri, cominciata addirittura lo scorso 11 settembre, è stata aperta con una rilettura di Andrea Mirò della canzone "La libertà" di Giorgio Gaber e lo spirito degli incontri promossi da "Il Tempo delle Donne" si ispira proprio al verso più celebre del pezzo: la libertà è - innanzitutto - partecipazione, e un'ampia partecipazione (non solamente femminile) e ciò a cui puntano le proposte di "Il Tempo delle Donne". Uno fra i temi recenti più spinosi in assoluto è la differenza di trattamento sul lavoro fra uomini e donne, in modo particolare sul versante della retribuzione.

L'Expo rappresenta un'ottima occasione anche per questo tema delicato e gli appuntamenti in tal senso non mancano, dagli incontri alle video inchieste che tratteranno l'indipendenza economica femminile, avvalendosi di ospiti come Elisabetta Caldera, direttrice delle risorse umane di "Vodafone Italia", e Patrizia Greco, presidente dell'Enel. Non solo impegno, però: ci sarà spazio anche per lo svago, con aperitivi e interventi musicali che vedranno fra i protagonisti Rossana Casale e Roberto Vecchioni.