Euro 2016: Ungheria, "Dammi un pizzico, sto sognando"

Articolo pubblicato il 14 dicembre 2017
Articolo pubblicato il 14 dicembre 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

I Campionati di Calcio Europeo UEFA 2016 si svolgeranno in Francia. Con una competizione estesa a 24 squadre, Euro 2016 promette un torneo più lungo, con diverse squadre al loro grande esordio. Cafébabel vi fornirà un resoconto di alcuni aspetti delle varie nazioni, inclusi lo stato d’animo generale, rapidi pronostici e anche le recenti tendenze. Questa volta siamo diretti a Ria, Ria, Ungheria.

Scenario in allestimento

Quarantaquattro anni dopo la sua ultima qualificazione, la squadra nazionale Ungherese ce l’ha fatta ad entrare nel Campionato Europeo. Grazie alla sostituzione di due allenatori e ad una impetuosa prestazione nel primo girone, l’Ungheria è tra le 16 finaliste.

Si è qualificata terza nel proprio girone dopo l'Irlanda del Nord e la Romania, arrivando così fino ai playoff. Dopo aver battuto la Norvegia sia in casa che fuori si è lanciata nel torneo vero e proprio. Successivamente ha sconfitto l’Austria 2-0, prima di pareggiare con l'Islanda grazie ad un goal dell'ultimo minuto. Un impressionante pareggio 3-3 con il Portogallo l’ha vista raggiungere il secondo girone.

Ronaldo non era felice del risultato Ungheria-Portogallo

Finirà tutto in lacrime?

Sicuramente no. L’Ungheria è stata classificata la decima squadra più forte in gara, e sembra non avere alcuna intenzione di rallentare. Pronta a fare qualsiasi cosa pur di perseguire i propri sogni, combatte, si contende la palla, e mostra quel tipo di entusiasmo e sacrificio che sicuramente allontana l’amarezza. Quanto già ottenuto mostra un enorme lavoro ed ogni goal che segna è motivo di gioia per l'intera nazione. Non ci saranno lacrime in Ungheria quando alla fine verrà sconfitta, non importa quanto lontano arrivi. Ha già conquistato il cuore del paese.

Come trascorreranno il tempo?

Gli undici della nazionale soggiorneranno al Terre Blanche, un albergo di lusso nella Provincia. Naturalmente, non ci sono lamentele sulla sua qualità, ma abbiamo ancora opinioni su ciò che potrebbero essere in procinto di fare. Rideranno di Attila Fiola,la cui squadra è stata retrocessa dalla Nemzeti Bajnokság (la lega professionista Ungherese), anche se rimane sulla loro linea di partenza? Probabilmente Ádám Szalai sta distribuendo colpi di pálinka (spirito Ungherese) ai tifosi, proprio come ha fatto nel pub di Budapest dopo la loro vittoria ai playoff contro la Norvegia. Una cosa è certa: una squadra formata da elementi così eclettici si divertirà un mondo.

Il Campione

E’ difficile sceglierne uno. E’ chiaro che Balázs Dzsudzsák è in grado di lasciare il segno, sia come capitano che come giocatore più valido della squadra. Pál Dárdai, il precedente capitano, lo ha definito un genio, e sin da allora ne è stato all’altezza. I suoi tiri liberi sono letali. Mettendo da parte Ronaldo, ecco come si parano.

Il mio preferito è il portiere Gábor Király. Il portiere più anziano che abbia mai preso parte agli Europei, Lo si vede sempre fare sfoggio dei suoi famosi pantaloni da jogging. Ha effettuato delle parate di classe durante le qualificazioni, quindi dovete essere al massimo per superarlo.

Occhi sul pallone, mani sul cavallo

Il Grande Dibattito

La domanda più importante sulle labbra dei cittadini Ungheresi è molto semplice: Sta succedendo davvero? Siamo davvero in testa? Dopo ogni partita, migliaia scendono in strada per capire se stanno sognando oppure no. Nell’atmosfera d’entusiasmo, è chiaro capire che è tutto vero. Siamo in testa, e meritiamo di esserci. Se non siete Ungheresi potrebbe essere difficile da comprendere, ma credetemi: una cosa del genere l'abbiamo desiderata disperatamente.

Cosa sentirete sull'Ungheria

"Ria, Ria, Hungária", o come dice la versione Inglese, "Ry, Ry, Hungary!" I fan sanno essere molto creativi, ma questo motto di incoraggiamento verrà senz’altro pronunciato a gran voce per tutta la Francia. Gli altri paesi sottolineano la solida difesa dell’Ungheria e il loro stile di gioco ben organizzato.

(Più di) 20 anni di Europei

Era il 1964 quando l’Ungheria fu più vicina a vincere gli Europei, quando arrivò terza. Quest'anno, è tempo di vincere! Se tifate i veri sfavoriti, questa è la vostra squadra. Se vi piacciono i pantaloni da jogging di Gábor Király, allora questa è la vostra squadra! Grie, Grie, Hongrie! Garn, Garn, Ungarn! Ry, Ry, Hungary!

---

I Campionati di Calcio Europeo UEFA 2016 si svolgeranno in Francia. Con una competizione estesa a 24 squadre, Euro 2016 promette un torneo più lungo, con diverse squadre al loro grande esordio. Cafébabel vi fornirà un resoconto di alcuni aspetti delle varie nazioni, inclusi lo stato d’animo generale, rapidi pronostici e anche le recenti tendenze di moda.