ImpacTrip: esplorare, imparare, fare la differenza

Articolo pubblicato il 19 settembre 2017
Articolo pubblicato il 19 settembre 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Viaggiare a tu per tu con il mondo sta diventanto sempre più innovativo sotto molti aspetti - soprattutto grazie a progetti europei come quello di ImpactTrip di Rita Marques, che è stato avviato ormai da qualche anno.

Gli svantaggi del turismo odierno sono ben noti a tutti: inquinamento, sfruttamento della forza lavoro, spreco di energie e risorse.

La soluzione per pulirsi la coscienza ed intraprendere un viaggio all'insegna del rispetto dell'ambiente dovrebbe essere il "volonturismo". Ma qual è l'aspetto positivo di questo nuovo stile di viaggio? È il collegamento tra il turismo e il lavoro volontario e dovrebbe infondere nei viaggiatori sensazioni legate al viaggio totalmente nuove e la certezza di riuscire a fare qualcosa di buono senza dover rinunciare all'avventura della scoperta di una nuova terra. ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Sempre più persone vogliono spingersi oltre i limiti del proprio Paese, sempre più viaggiatori non vogliono fermarsi solamente alle tipiche attrazioni turistiche. L'Europa oggi è praticamente un conglomerato di diverse culture senza barriere, gli esploratori hanno perciò un grande ventaglio di possibilità. ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Unire l'utile al dilettevole

Il progetto ImpacTrip concilia la vacanza con la responsabilità sociale.­­­­­­­­­

Con un concetto ben preciso alla base, il programma mira a connettere un viaggio in Portogallo con un impatto positivo sociale ed ecologico.­­­­­­­­­­­­­­­­­

Rita Marques ha dato il via all'iniziativa. Un progetto sociale che vuole combattere i problemi legati alla società e all'ambiente in Portogallo, e allo stesso tempo offre un assaggio della lingua portoghese. ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Nel contatto diretto con i partner del programma volontari, come fattorie, ospedali o orfanotrofi, i partecipanti possono toccare con mano i tre principi su cui è basato il programma - attività di volontariato, lingua, viaggio.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Al mattino si frequenta un corso di lingua con i professori locali, al pomeriggio si lavora dai partner del posto, il weekend ci si riposa come si vuole. Il programma di un mese di Li­ving Por­tu­gal è organizzato secondo questa linea se si sceglie di viaggiare nelle città di Porto, Lisbona, Évora e Albufeira.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Nel frattempo si possono sperimentare le diverse offerte del programma e scoprire il Portogallo in un modo diverso dagli schemi tradizionali.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Una vacanza che fa la differenza

Secondo Rita Marques non serve andare dall'altra parte del mondo per fare la differenza. Per questo ha scelto il Portogallo come base per la sua idea del turismo responsabile. Le disuguaglianze sociali, spesso causate dal turismo, possono essere sconfitte anche così. ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Im­pac­Trip si differenzia dalle organizzazioni di volontariato internazionali come WWOOF (Worldwide Opportunities On Organic Farming), perché non è un progetto di "vitto e alloggio", ma si concentra sull'apprendimento della lingua. Ne deriva quindi un'esperienza di viaggio diversa, ma anche un'interazione intensa con l'ambiente portoghese.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Con WWOOF si sperimenta il quadro generale, per poi scoprire il mondo da soli. Bastano una quota contributiva (diversa in base al Paese), un'email alla fattoria desiderata, una promessa e un volo per ritrovarsi immersi in un ambiente totalmente nuovo.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Durante la settimana si lavora in una fattoria, con la famiglia che la gestisce e altri "Wwoofer" da tutti i Paesi del mondo. Si vive, si mangia e si impara insieme, come se l'agricoltura venisse effettuata in modo responsabile.  Al weekend si è liberi di esplorare la nuova terra a proprio piacimento.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

"Migliorare il mondo con un piccolo sforzo"

Secondo Rita Marques, un gesto così piccolo può avere un impatto considerevole.­­­­­­­

Organizzazioni come ImpacTrip o WWOOF cambiano la nostra concezione del viaggio, rinfrescano le esperienze di vita e uniscono gli obiettivi a cui le persone aspirano - imparare, aiutare e sperimentare.­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Le iscrizioni per ImpacTrip si ricevono tramite email rita.​impactrip@​gmail.​com e facebook Impactrip International, per WWOOF nel sito www.​wwoof.​net.­­­­­­­