E se l'arte salvasse l'Europa?

Articolo pubblicato il 08 novembre 2016
Articolo pubblicato il 08 novembre 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il 5 marzo scorso, The Brussels Gallery ha ospitato la cerimonia di chiusura e di consegna dei premi di SHOW ME YOUROPE, un concorso artistico organizzato per la prima volta dagli studenti dell'anno accademico 2015-16 dell'Executive Master in European Communication and Policy dell'IHECS Academy di Bruxelles. Articolo di Christophe Blanckaert, uno degli studenti di questo master nell'anno 2015-16.

Per la prima edizione di SHOW ME YOUROPE, gli studenti hanno fatto le cose in grande. Ben 14 vincitori provenienti da diversi paesi europei erano in lizza per il premio finale nelle più diverse categorie: fotografia, disegno, scrittura, pittura, teatro, rap, video, sound art...

Dopo una breve presentazione del progetto e dei suoi iniziatori a cura di Thomas e Barbara, il numeroso pubblico (hanno risposto all'invito circa 170 persone) e la giuria hanno avuto occasione di scoprire le opere attraverso le quali ogni artista ha voluto condividere la sua visione dell'Europa. La serata è stata animata anche da due performance live del centro giovanile "L'Antirides" del comune belga di Uccle. Il rap energico di MC T-Rex e Marie ha ricevuto un'accoglienza più che entusiasta, scatenando una raffica di applausi calorosi.

Ma il momento clou della serata è stato l'annuncio del vincitore, selezionato tra i promettenti finalisti da una giuria composta da professionisti del mondo culturale e della comunicazione e presieduta da Nicolas Baygert. È Raphaël Kettani ad aver conquistato l'unanimità della giuria, grazie a due opere, "Le Sacrifice" e "Pégase", in grado di dare una visione dell'Europa originale e ispirata alla mitologia.

Il vincitore indiscusso

Secondo posto per Milton Perreira: anche lui ha suscitato un grande entusiasmo tra i membri della giuria con "UTOPIA", una serie di 5 fotografie che mettono in evidenza la relazione dell'individuo con il contesto più grande dell'Europa. Il terzo premio è stato assegnato a Arthur Deligne, che ha offerto un saporito audio diario di viaggio dall'accento dublinese, realizzato durante il suo Erasmus in Irlanda.  

Tre vincitori, tre stili diversi per coronare questa magnifica iniziativa degli studenti dell'IHECS, fortemente sostenuti dalla coordinatrice del master, Laura Leprêtre. Lanciato nell'ottobre del 2015 nell'ambito del corso di "project management", questo progetto aveva tutto l'aspetto di una sfida. In un contesto europeo difficile era importante trovare un'idea originale per permettere ai giovani cittadini di esprimere la propria visione dell'Europa. E cosa c'è di meglio dell'arte per liberare le proprie idee?

Ad ogni modo, l'operazione è stata un vero successo e una seconda edizione potrebbe già essere in cantiere. I futuri studenti del master per l'anno accademico 2016-17 potranno contare sul sostegno di "padrini" d'eccezione!