Dubai, Hamilton, Siviglia e poesia

Articolo pubblicato il 15 novembre 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 15 novembre 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

I Babelblog sono più attivi che mai. E la loro offerta editoriale tratta di cinema, politica, poesia e speranze. Ecco le ultime novità.

Una polacca a Dubai: 3 milioni di immigrati

La blogger Hanna vive e lavora negli Emirati Arabi Uniti da un paio di mesi, e sta prendendo sempre più dimestichezza con la città ( e i suoi 45°!), con le sue regole ferree (agli occhi di un occidentale), e con il suo stile stravagante. L’ultimo post su wideangle.cafebabel.com (inglese, polacco) racconta l’altra faccia di Dubai, quella che non vedrai mai sulle immagini patinate nelle agenzie di viaggi o sul canale Travel&Living. È una Dubai di gente non ricca, che non può permettersi fiumi di champagne e un lussuoso appartamento nell’hotel più costoso del mondo. Leggete di più sui 3 milioni di immigrati che lavorano ogni giorno nel travolgente splendore di questo Emirato, dove i sindacati non sono autorizzati, così che i ricchi possano continuare a vivere indisturbati nel loro scrigno dorato.

Hamilton, ritorna!

A proposito di immigrazione, visitate remarksandculture.cafebabel.com (English), che presenta opinioni sulla cultura, la società, le arti e la religione nel Regno Unito e in Europa. Un recente post riguarda Lewis Hamilton. Il pilota di colore di Formula 1 si è trasferito dal Regno Unito in Svizzera, un Paese europeo democratico e ricco. È anche il luogo in cui il partito Svp (Partito Popolare Svizzero) del Ministro della Giustizia Christoph Blocher (sui cui manifesti per la campagna “più sicurezza” compaiono tre pecore bianche che scalciano fuori dal campo una pecora nera), vinse con il 29% dei voti dopo una campagna elettorale dominata il 22 ottobre 2007 da una campagna anti-immigrazione apertamente razzista.

Prendi tutti i miei amori

Per calmarti e tranquillizzarti con qualcosa di meno deprimente dei problemi degli immigranti e della vergogna post-coloniale, leggete poetry.cafebabel.com (catalano, spagnolo, francese, italiano e portoghese). Un babelblog che offre non solo poesie inedite o brani riproposti, ma anche una visione di un mondo migliore e più spirituale con interviste esclusive, interessanti ritratti di autori, analisi di sottili relazioni tra la poesia e le altre arti, come il cinema e la musica. C’è anche un’agenda regolarmente aggiornata, perfetta per tutti quelli che cercano interessanti eventi in arrivo. Provatela, date al vostro lato sensibile la possibilità di venir fuori.

La new entry di questa settimana tra quelli recentemente creati su babelblog è sevilla.cafebabel.com (tedesco, inglese, spagnolo). Siviglia è uno dei gruppi locali più attivi di cafebabel.com, quindi mi aspetto che diventi uno dei più attivi babelblog. Qui, alcuni eccellenti scrittori e amanti di film, si preparano per la gastronomia intellettuale

Foto: Lavoratori che dormono a Dubai (Paul Keller/ Flickr), manifesto della campagna dell’SVP (riflessioni e blog di cultura), Siviglia (blog sivigliano)