Dopo gli attentati di Parigi, non parlate di odio

Articolo pubblicato il 16 novembre 2015
Articolo pubblicato il 16 novembre 2015

(Commento) Dividere la società in "Noi" (cittadini occidentali) e "Loro" (arabi e musulmani) non risolverà i problemi, ma dividerà sempre di più le persone. Certamente lo scopo dei terroristi è dividere la società europea ancora di più. Gli attacchi di venerdì a Parigi sono ora connessi alla crisi dei rifugiati e c'è anche l'ipotesi che gli immigrati giunti in Europa siano potenziali terroristi.

Durante l'attacco terroristico accaduto venerdi 13 novembre a Parigi, almeno 129 persone sono state uccise, 352 sono i feriti, di cui 99 in condizioni gravi. Il Presidente francese François Hollande ha dichiarato un'eccezionale stato di emergenza e 3 giorni di lutto nazionale. Da venerdì il mondo intero sta partecipando al lutto della Francia e si è stretto intorno al Paese, mostrando la sua solidarietà, il suo dolore e la sua lotta contro i responsabili di questi eventi, senza precedenti nella storia contemporanea della Nazione.

La paura, cattiva consigliera

La notte degli attacchi ès tata particolare, ci ha mostrato chiaramente che non possiamo essere immuni a ciò che ci circonda. Nessuna Nazione è un'isola, a sé stante, e una guerra che si svolge a migliaia di chilometri di distanza ancora ci affligge, che ci piaccia o no.

Dividere la società in "Noi" (i cittadini occidentali) e "Loro" (arabi e musulmani), non risolverà tutti i problemi, dividerà sempre di più le persone. Costruirà un muro che facilita la radicalizzazione dei perseguitati. Certamente, lo scopo dei terroristi è di rompere sempre di più la società europea. Gli attacchi di venerdì scorso sono già stati messi in relazione con la crisi dei rifugiati, ci sono anche ipotesi che sostengono che gli immigrati che arrivano in Europa siano potenziali o effettivi terroristi.

Quegli assassini, membri del gruppo terrorista Daech, l'ISIS (un'organizzazione che non è sostenuta da nessuno degli Stati arabi o musulmani), sono guerrieri che usano la religione come una copertura per uccidere e prendere il potere. Il Jihad, la guerra Santa che stanno combattendo, ha a che fare con la fede del comune musulmano europeo tanto quanto le crociate hanno a che fare con il cristianesimo moderno.

Da venerdì sera, i media francesi mettono in guardia la società dall'accusare i loro concittadini musulmani di questi terribili crimini, così come gli immigrati che cercano asilo in Europa. Non possiamo escludere la possibilità che alcuni di quei migranti possano essere in contatto con i terroristi. Tuttavia, allo stesso tempo, non possiamo dimenticare che sono dei cittadini francesi che hanno condotto gli attacchi nel mese di gennaio, contro Charlie Hebdo, e più di uno degli assassini che ha preso parte agli attacchi di venerdì era francese.

La situazione è complessa e una semplificazione sciocca di tutto ciò non aiuta a comprenderla. Il desiderio di vendicarsi, di identificare i terroristi e di provare sentimenti piuttosto negativi, è un fatto naturale. L'origine di questi sentimenti è la paura stessa, e questo è esattamente ciò che vuole l'ISIS. Venerdì sera hanno attaccato il cuore della Capitale, la zona più vivace e di incontro della città.

Negli ultimi due anni gli immigrati sono in fuga da un Paese che sta subendo ben più di un attacco al giorno. Si tratta perlopiù di giovani che emigrano per poi essere raggiunti da famiglie, donne e bambini, ma sono anche interi gruppi familiari e persone anziane. L’attacco di venerdì contro la Capitale francese è solo un accenno di ciò che i siriani e gli iracheni vivono nei loro Paesi. Rischiano di tutto per raggiungere l'occidenti: la loro salute, dignità umana, le loro vite e quelle dei loro figli. Cercano la terra dei loro sogni, dove la maggior parte di loro desidera solamente vivere una vita normale e lavorare.

Non puniamo le vittime per le colpe dei loro persecutori. Xenofobia e razzismo derivano dalla paura. Nel caso di paesi come la Polonia, questo si manifesta in modo estremamente uniforme in termini di etnia e religione. Tutto nasce dalla paura dell'ignoto. Qui a Parigi, al centro degli eventi, non si sentono voci di odio, di paura o di xenofobia, ma parole di coraggio e gesti di incoraggiamento. Inoltre, c'è il desiderio di unire ed esprimere la solidarietà con le vittime degli attacchi.

Libertà, uguaglianza e liberalismo, comunemente conosciuti in Polonia come "multikulti" (la politica del multiculturalismo), l'essenza e il cuore della società francese, sono stato derisi da molti politici polacchi. Senza la sua diversità questa società non avrebbe una cultura così ricca e mai avrebbe sviluppato le idee che circondano la filosofia e l’arte contemporanea. L'unità dei cittadini si trova nella definizione stessa della Nazione, indipendentemente dal colore della pelle, dall’orientamento sessuale o dalla religione. In un giorno come questo è più visibile che mai.

"Il nemico è sempre con noi"

In Imperium, Ryszard Kapuściński scrisse un passo che oggi viene ripreso in moltipost sui social media, descrive le tre piaghe che minacciano il nostro mondo. In primo luogo, la peste del nazionalismo. In secondo luogo, il razzismo. Terza, la piaga del fondamentalismo religioso. Il denominatore comune è un'irrazionalità aggressiva, onnipotente e totale: «Chiunque sia colpito da una di queste piaghe ha perso la ragione. Nella sua testa brucia una pira sacra che attende solo le sue vittime da sacrificare... Una mente toccata da tale contagio è una mente chiusa, unidimensionale, monotematica, che gira in tondo solo su un argomento: il suo nemico. Pensare ai nostri nemici ci sostiene, ci permette di esistere. Ecco perché il nemico è sempre presente, è sempre con noi».

A queste tre piaghe ne aggiungerei anche un’altra: la piaga dell'ignoranza. È terrificante come i polacchi, cittadini di un Paese che non è né direttamente minacciato dall'afflusso di immigrati provenienti da Siria, Iraq, Afghanistan o Eritrea, né da potenziali attacchi terroristici, possano facilmente sottomettersi al potere della violenza e dell'avversione per l'altro. Questo discorso vale anche per alcuni polacchi che sono istruiti e abbastanza moderati. È terrificante che persino i discorsi di alcuni politici utilizzino senza vergogna l'esempio degli assassini per raggiungere i loro obiettivi e aumentare la propria popolarità.

Tuttavia, prendiamo esempio da coloro che sono stati colpiti dalla tragedia di Parigi e non lasciamo che i nostri cuori e le nostre menti si riempiano di paura e di odio che poi influenzeranno i nostri pensieri, parole e comportamenti. Prima di esprimere le vostre opinioni superficiali, dolorose e razziste (di cui al giorno d'oggi internet in Polonia è pieno, così come altri mezzi di comunicazione), prima di tutto pensate, leggete e riflettete. Sottomettendovi al panico e alla xenofobia, inconsciamente diventate un'arma nelle mani dei terroristi. Questo è esattamente quello che vogliono, per conquistare l'Europa e il mondo occidentale, incoraggiando caos, orrore e odio in ogni luogo. Piuttosto, dovremmo comportarci di conseguenza, in linea con quelle parole che oggi sono diffuse in tutta Parigi: non abbiate paura. Rispondete al terrore celebrando l'amicizia e la gioia di vivere, perché l'amore per i tuoi connazionali non deve, e non dovrebbe, essere espresso attraverso l'odio verso gli altri.

T. Love, Nie nie nie