Dimissioni del cancelliere austriaco: tutta colpa del populismo?

Articolo pubblicato il 12 maggio 2016
Articolo pubblicato il 12 maggio 2016

Il cancelliere socialdemocratico austriaco Werner Faymann si è dimesso lunedì: ha parlato di mancato supporto da parte del Partito. Sta pagando il prezzo per la debolezza del suo partito oppure la colpa è delle decisioni prese riguardo la sua politica sui migranti?

Partiti tradizionali: siamo alla frutta?

Faymann è vittima della crisi dei partiti tradizionali. Questa percezione sta raggiungendo tutti i settori della società austriaca: i partiti tradizionali non sono più in grado di risolvere i problemi del paese. E questo accade in Austria, una nazione che è riuscita a superare la crisi finanziaria ed economica senza troppe difficoltà ed il cui tasso di disoccupazione è uno dei più bassi d'Europa. Le radici di questa crisi risiedono nell'eterna coalizione tra i Socialdemocratici e il Partito Conservatore. E questo ha aperto le porte ai gruppi di protesta, antisistema. I partiti tradizionali dovranno ben presto rendersi conto che i vecchi tempi in cui il potere veniva diviso in base alle rappresentanze proporzionali sono finiti.

Hospodářské noviny, Repubblica Ceca, 10/05/2016

L'SPÖ sull'orlo del precipizio

Faymann non è l'unico responsabile del momento difficile che sta attraversando l'SPÖ (Partito Socialdemocratico, n.d.t.). Egli semplicemente incarna un partito sempre più diviso. Con il suo tentativo disperato di mantenere il tradizionale appoggio sia degli operai

sia degli elettori intellettuali, l'SPÖ è rimasto intrappolato in una "strategia" decisamente 

autodistruttiva. Se pensavano di attirare più elettori dal "proletariato" – molti dei quali sono passati al Partito delle Libertà, tra le altre cose – adottando linee più rigide nei confronti dei rifugiati, si sbagliavano di grosso. Questa presa di posizione, allo stesso tempo, ha fatto perdere loro i sostenitori intellettuali. Voti che potrebbero essere tranquillamente riacquisiti intraprendendo una campagna elettorale più aperta nei confronti dei rifugiati. Ma la democrazia sociale si può salvare solo dopo aver riconquistato le anime perdute degli elettori proletari.

Delo, Slovacchia, 10/05/2016

Il cancelliere nella trappola del populismo

Quello che è accaduto in Austria servirà da lezione agli altri politici europei che potrebbero cedere alla tentazione di sacrificare i propri ideali e i principi fondamentali dell'Unione Europea per delle manciate di voti. Se questo cambio direzionale non ha indebolito il supporto del populismo di estrema destra, ha fatto sì che il governo si giocasse la fiducia di una grande fetta degli elettori progressisti che vedono questo cambiamento come un tradimento dei principi del partito. Il terremoto politico che ha colpito l'Austria ci insegna due lezioni: i problemi ci sono, e non possono essere ignorati. Cedere ad alcune richieste del populismo xenofobo non ferma la sua avanzata ma, al contrario, ne legittima le idee.

El País, Spagna, 10/05/2016

Spinto al potere dal suo partito e dai tabloid 

Il cancelliere ha speso molti soldi provenienti dalle tasse per assicurarsi l'appoggio dei tabloid e, in cambio, loro l'hanno riempito di elogi. Questo è stato uno dei trampolini di lancio di Faymann verso il comune di Vienna, dove ha ricoperto prima la carica di Consigliere comunale per le Infrastrutture (dal 1994 al 2006), poi di Ministro dei Trasporti e, infine, di presidente del partito e cancelliere austriaco. Le sue conoscenze personali sono state un altro trampolino. [...] Funzionario dell'Unione Internazionale dei Giovani Socialisti di Vienna, consigliere locale, difensore dei diritti dei locatari, consigliere municipale, ministro, cancelliere - la carriera di Faymann è sempre stata legata alla politica del Partito Socialdemocratico. Ha persino fatto servizio civile in un'organizzazione del  SPÖ. Inoltre, la sua seconda moglie, Martina Ludwig-Faymann, è consigliere municipale del Partito Socialdemocratico di Vienna. 

Wiener Zeitung, Austria, 10/05/2016

_

30 Paesi, 300 mezzi di comunicazione, una rassegna stampa.

La rassegna stampa euro|topics ci mostra i temi che attraversano l'Europa, per riflettere un panorama variegato di opinioni e di idee.