Deutsch, dutch, svedese, svizzero…Confusione nella traduzione

Articolo pubblicato il 29 aprile 2013
Articolo pubblicato il 29 aprile 2013
Il nostro continente, tanto ricco di culture, di lingue, identità e abitudini, sembra essere zeppo anche di incertezze linguistiche e geografiche. Ci sono troppi paesi con nomi simili e sembra che la confusione si sia impadronita di alcuni, nonché di una certa Sarah Palin.

L’Europa è un continente piccolo, avente stati a volte troppo piccoli per essere ricordati. Almeno così sembra. La confusione geografica è all’ordine del giorno, è normale. Basti pensare agli avventori del bar di paese, che aprono il giornale sportivo e commentano l'ingaggio di un giocatore sloveno nella loro squadra di calcio. O era slovacco? O estone, chi se lo ricorda!

Abbiamo la tendenza non solo ad assegnare un nome ai paesi ma ad affibbiare a ogni nazionalità, in modo più che arbitrario, peculiarità e caratteri specifici. Ad esempio, la ñ contenuta nella parola España fa venire il mal di testa all'alfabeto di non poche nazioni europee. A volte si arriva addirittura a inventare nuovi nomi come nel caso di Macedonia: il cittadino medio continua ancora a scherzarci su e a paragonarlo a un dessert con un discutibile senso dell'humour!

Tutto sommato la situazione non è così grave. Almeno non quanto la confusione di recente dimostrata da Sarah Palin, leader del Tea Party americano che ha confuso la Russia con una regione della Repubblica Ceca e ha sostenuto che Praga fosse vicina a Teheran. Il problema è che gli abitanti della Repubblica Ceca si sono stancati di essere confusi da tutto il mondo: "non siamo né ceceni, né cecoslovacchi", sostengono, (e se qualcuno di voi ancora la pensa, dovete aggiornare i vostri libri, il muro è caduto da tempo), ma sono la Repubblica Ceca, il cuore dell’Europa. E desiderano che gli venga riconosciuto, a ragione, che sono un paese indipendente, amano la loro vecchia sorella Slovacchia e hanno anche una squadra nazionale di calcio forte, vi ricordate di Pavel Nedvěd o di Petr Čech? Ebbene sì, sono cechi. Non li confondete, non se lo meritano.

Ma non crediate che la confusione finisca lì! Pare che agli europei capiti spesso di sbagliarsi. I tedeschi sostengono di essere spesso confusi con gli olandesi, “deutsch” significa tedesco nella lingua della Merkel e “dutch” significa olandese, ma in inglese. E che dire di Svezia e Svizzera? Una piccola differenziazione: in uno producono cellulari, mobili a basso costo e torte di dubbia qualità, nell’altro accettano conti correnti bancari di provenienza sospetta a braccia aperte. Ricordate: una volta sueprati i confini della vostra nazione portatevi sempre una carta geografica, perché, anche se ci definiamo tutti europei, pare che a nessuno piaccia essere confuso con gli abitanti del paese vicino.

Foto: © Random Factor/flickr