Conversazioni dalla Giungla di Calais

Articolo pubblicato il 12 agosto 2016
Articolo pubblicato il 12 agosto 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il volontariato non è solo donare i propri beni o costruire orfanotrofi dall'altra parte del mondo. A volte, può essere semplice come una chiacchierata.

Comunemente nota come "La Giungla", il campo profughi a Calais ospita attualmente circa 7.300 persone da Africa, Asia e Medio Oriente, che cercano di fare il breve ma rischioso viaggio attraverso il Canale della Manica per cercare lavoro nel Regno Unito. Dopo aver ascoltato molte delle loro storie al TG, la 23enne Adela, una studentessa di Sheffield, ha deciso lo scorso giugno di voler fare qualcosa di utile.

"Non avevo idea di come sarei arrivata là", afferma. "Di certo non potevo semplicemente passeggiare in un campo profughi per conto mio... Trovai questa organizzazione chiamata Care4Calais, che lavora in un deposito a circa 15 minuti di auto dalla Giungla."

Adela a Sheffield e mentre fa volontariato a Care4Calais. Muovere il cursore per vedere le immagini.

Con tutti gli ostelli della zona al completo, Adela finì per trascorrere sei giorni in un campeggio nelle vicinanze – anche se sembra che i proprietari fossero meno felici dell'esistenza della Giungla. "Non ci era permesso riferire cosa stessimo facendo lì. Circa un anno fa alcuni dei volontari a lungo termine soggiornavano lì; quando i proprietari scoprirono il perché della loro permanenza, furono espulsi."

Il lavoro di volontariato di Adela era diviso in due compiti principali. La mattina si trascorreva ordinando la montagna di vestiti donati. Il pomeriggio era dedicato alle lezioni di inglese e di arte nella Giungla, oppure distribuendo pacchi di abbigliamento e alimentari a quelli che ne avevano bisogno. Il gran numero di donazioni la sorprese: "Ricevono tantissime donazioni di qualità, tutti nell'accampamento camminano con Nike e tute nuove di zecca."

Infatti, i prodotti che Care4Calais respinge sono spediti spesso in altre parti del mondo. "Mi è sembrato strano, perché questa roba aveva già viaggiato un bel po' fino a Calais e poi la gente avrebbe dovuto pagare di più per inviarlo in Siria o, in alcuni casi, di nuovo in Inghilterra ad alcune delle associazioni di beneficenza."

Nel pomeriggio, Adela si offriva di insegnare inglese nella Giungla, anche se divenne subito evidente che molte persone lì fossero troppo qualificate. Alcune di loro parlavo un inglese impeccabile - erano medici, insegnanti – e penso che volessero solo chiaccherare. Le persone lì si annoiavano molto. Nella Giungla, non si tratta di sopravvivenza; hanno abbastanza per sopravvivere. Si tratta più del miglioramento della qualità della vita".

Naturalmente, a differenza di molti campi profughi, la Giungla è prima di tutto un centro di riabilitazione. Per coloro che hanno affrontato enormi cambiamenti per arrivare a Calais, la linea del traguardo in Inghilterra deve essere percepita come esasperantemente vicina.

"Il mio ultimo giorno lì ho incontrato un uomo. Gli ho chiesto: 'Cosa fai quando non vieni alle lezioni di inglese?' Ha risposto: 'Mi alzo, cerco di oltrepassare la recinzione e poi la polizia mi ferma. Dopo pranzo ci ritento, la polizia mi blocca e torno al campo. E poi la sera provo di nuovo. Tre volte al giorno, ogni giorno, torno qui, vado alla recinzione e cerco di scavalcarla per raggiungere l'Inghilterra.' Era così triste, perché era certamente determinato, ma anche se raggiungesse l'Inghilterra, probabilmente sarebbe catturato e rispedito indietro."