Coimbra a 50 euro

Articolo pubblicato il 22 agosto 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 22 agosto 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Coimbra, città di tutti i Saperi. Culla dei sei re e di un'università antichissima. Fortezza dell'umanesimo e casa degli studenti bohemien. Coimbra è «una lezione di sogno e di tradizione», dove s'impara a dire Saudade. Quante altre cose può insegnarci?

(Foto Jrodrigues/Flickr)

Per 6 euro, lezione d'arte all'Università

Siamo in estate, ma niente ci impedisce di aver voglia di tornare sui banchi. Soprattutto quando si tratta di visitare una delle più antiche università d'Europa. Creata nel 1290 è la più importante a Coimbra. Una volta in città è facile accedervi. Le frecce si trovano ovunque e guidano alle sale, un vero covo per intellettuali di importanza mondiale. La visita completa comprende la Sala dei Capelos, la Sala Grande degli Atti, la Cappella, la prigione accademica, una delle poche prigioni medievali ben conservate in Portogallo, e la Biblioteca Joanina, vero tesoro del barocco europeo.

Biblioteca dell'Università (Foto Jocusilpa/Flickr)

Per 2 euro, lezione d'amore a Quinta das Lágrimas

Coimbra non vive solo di sapere accademico. C'è tutto un universo di leggende da scoprire. La più famosa è quella del principe Pedro e di Inès de Castro, dama di compagnia della moglie, la Principessa Constança. Sono i protagonisti della più tragica storia d'amore del Portogallo. Il tempo, l'immaginario popolare e diversi scrittori, come Camoes o Henry de Montherlant (La reine morte) hanno reso questa leggenda eterna. Tratto da un episodio storico, la storia si svolge nel parco Quinta das Lágrimas dove gli innamorati si davano appuntamento di nascosto. Non per niente si chiama "Parco delle lacrime". Inès infatti venne assassinata proprio qui, nel 1355, dai consiglieri del re Alfonso IV, padre di Pedro, che vedeva quest'unione contraria agli interessi della corona. Due anni dopo Pedro divenne re. Ma pieno di rabbia vendica la morte di Inès uccidendo i suoi assassini. Poi dissepellisce il corpo di Inès che verrà incoronata. Il cadavere con la corona viene posto sul trono del Portogallo. E tutti i nobili sono costretti a baciarla. Oggi i due amanti riposano uno di fronte all'altra al Monastero di Alcobaça e la Quinta è quasi divenuto un museo vegetale dalle innumerevoli fontane. L'acqua di una delle fontane, chiamata degli "amori", è pigmentata di rosso. La leggenda precisa inoltre che si tratta del sangue versato da Inès. Più prosaicamente questo rosso è della pianta Hildenbrandia rivularis.

Quinta de lagrimas(Foto monsistex/ Flickr)

Per 3 euro, lezione classica a Conimbriga

Passaggio obbligato per gli amanti dell'archeologia è una visita alle rovine di Conimbriga. Il sito conserva la cintura di mura, oltre alle terme, case private, il sistema di riscaldamento e l'antico pavimento in mosaico. Il sito include, inoltre, il Museo monografico.

Conimbriga (Foto Corto Maltese/ Flickr)

Per 20 euro, lezione di canoa

Il Mondego, il fiume più lungo del Portogallo e grazie al suo corso regolare e costante in molti si cimentano con la canoa. Niente di meglio di una giornata a Coimbra per cominciare: ci sono discese organizzate, circondate da paesaggi verdeggianti. Buon divertimento!

Canoe sul fiume Mondego (Foto Paulo Victor/ Flickr)

Per 19 euro, lezione di cucina. Mangiare e ascoltare

Se l'università è la regina di Coimbra, il Fado è la sua musica per eccellenza. "Coimbra incanta ancor più quando è ora di dirle addio", dice una delle canzoni. Un incanto che si ripete anche all'ora di pranzo. Mangiare a ritmo di Fado è ancora più dolce! Il ristorante Trovador coniuga questa deliziosa combinazione. Situato di fronte all'antica cattedrale, offre alcune specialità, tra cui il famoso capretto al forno. La parola Saudade è intraducibile. Si suppone voglia dire "nostalgia", ma soltanto una visita a Coimbra può svelarne il vero significato. Pronti per la prossima lezione?

Capretto al forno (Foto Sindy Nero/Flickr)

Per informazioni clicca qui: http://www.turismo-centro.pt