Celebrità nazionali, queste sconosciute

Articolo pubblicato il 02 maggio 2006
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 02 maggio 2006

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Famosissime nei loro Paesi d’origine, restano completamente anonime all’estero. Sono le celebrità nascoste. A parte pochi calciatori inglesi, pochissimi riescono ad ottenere una fama paneuropea.

Johnny Halliday, una nave-scuola straordinaria

È una stella indiscussa della musica pop fin dagli anni Sessanta. Sono 33 i suo singoli rimasti al primo posto delle classifiche di musica pop, non ultimo quello uscito nel 2005. Noto al grande pubblico come l'“Elvis Presley francese”, ancora oggi attira folle scatenate ai suoi concerti e riempiendo gli stadi. Ha venduto oltre cento milioni di album nella sola Francia. Halliday è inoltre famoso per la sua passione per le donne. Si è sposato ben quattro volte. Halliday e la sua prima moglie, la cantante Silvie Vartan, vennero considerati la “coppia d’oro” di Francia per quindici anni. Con l’attuale moglie ha adottato una bambina vietnamita di nome Jade, sua terza figlia. A gennaio 2006 ha richiesto la cittadinanza belga. E secondo alcune indiscrezioni questo suo desiderio cela in realtà la ricerca di un paradiso fiscale. La sua richiesta è ancora al vaglio delle autorità.

Doda Elektroda, parlate male di me, ma parlatene!

Cantante ventitreenne di origine polacca, figlia di un campione olimpico dei pesi massimi, Pawel Rabczewski, moglie del portiere del Wisla Kraków (Cracovia), Rados?aw Majdan, Doda è spesso al centro dell’attenzione: il suo comportamento, i suoi abiti stravaganti e le sue dichiarazioni di dubbio gusto fanno parlare di lei. È certamente la vittima preferita dei tabloid che si divertono a criticare il suo abbigliamento, gli interventi di chirurgia plastica cui si sottopone e le dichiarazioni scandalistiche. Secondo le ultime rivelazioni Doda ha dovuto affrontare un’operazione alla spina dorsale, rovinata dall’eccesivo peso del suo seno (rifatto) di quattro chili. Estremamente sicura di sé, ha fiducia nel suo talento ed ostenta fiera la sua bellezza. In un’intervista alla rivista polacca Przekroj ha affermato: « …il mio sedere è carino e mi piacciono molto le mie gambe. Adoro il mio sguardo quando mi guardo allo specchio». Recentemente ha affermato che ora è pronta a conquistare gli Usa. In bocca al lupo, Doda!

Luca Cordero di Montezemolo, una stella manageriale

Legato a ciò che gli italiani amano di più: il calcio e le macchine. Ma prima di tutto è un uomo d’affari a capo di Ferrari, Maserati e Fiat. Occupa posizioni rilevanti nell’impero Fiat dagli anni Ottanta, quando ancora era manager dell’azienda Cinzano e della casa editrice Itedi. Nel 1991 Gianni Agnelli, allora a capo della Fiat, gli ha assegnato la presidenza della casa automobilistica. Due anni fa, il 27 maggio 2004, Montezemolo è diventato presidente di Confindustria e solo pochi giorni dopo, alla morte di Umberto Agnelli, gli è stato affidato il gruppo Fiat.

Per la prima volta nella storia della competizione dell’America Cup, è riuscito a far inserire uno yacht italiano, Azzurra. Inoltre è presidente della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali) e vice-presidente del club calcistico del Bologna. Il Finalcial Times lo ha indicato tra i primi cinquanta migliori manager al mondo.

Raimonds Pauls, il compositore lettone più famoso

In Lettonia non c’è angolo dove Raimonds Pauls non si sia fatto conoscere. Dopo aver studiato pianoforte al conservatorio, Raimonds è presto stato rapito dai ritmi del jazz. E suonando nei ristoranti e nei club ha imparato i ritmi della musica moderna e del jazz. A ventotto anni diventa direttore dell’Orchestra Nazionale Filarmonica. Tra gli anni Settanta e Ottanta lavora alla radio, contribuendo a cambiare lo scenario della musica lettone. Per cinque anni ricopre la carica di Ministro della Cultura. Dopo l’indipendenza della Lettonia Raimonds Pauls si è dedicato a lavorare con il famoso gruppo Dzeguz?te, per comporre e suonare musiche per bambini. Ha inoltre composto la musica di sei film, musical e balletti. Attualmente è anche un consigliere del Presidente.

Thomas Gottschalk, un uomo dello spettacolo

Si è fatto conoscere con il programma televisivo Wetten, dass..? (il nostro Scommettiamo che?), che ha riscosso un successo strepitoso in Germania, Austria e Svizzera. All’inizio della sua carriera ha lavorato anche per la stazione radio della Baviera, Bayerischer Rundfunk, dove è diventato famoso per la sua trasmissione Nach acht (“Dopo le Otto”). Dal 1987 conduce Wetten, dass..?, cui hanno partecipato anche Vip come Jennifer Lopez. Thomas si è anche cimentato nella recitazione. Ha avuto una parte in Sister Act 2, ma solo perché la protagonista del film, Whoopi Goldberg, aveva perso la scommessa durante il suo programma. Ora vive con la sua famiglia a Malibu, in California, ma il suo sogno è quello di tornare in Germania. Nel frattempo si è comprato un castello a Marienfels, in Nadrenia, zona famosa per i suoi paesaggi spettacolari.

Copyright: Wikipedia (Halliday , Pauls, Gottschalk)