Cappello al condom

Articolo pubblicato il 13 luglio 2005
Articolo pubblicato il 13 luglio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Se un brasiliano chiede una «camisinha» in Portogallo, gli danno una camicetta e non un preservativo. Succede qualcosa del genere anche al francese che parli di «capote» (preservativo) con un’inglese prima di infilarsi nel letto: lei fraintende con le meraviglie di Truman Capote, il grande scrittore anglofono della Beat Generation. Ma se quest’appassionata di letteratura si trovasse a chiedere dei «capote» in Spagna, la cosa più probabile è che la portino a una corrida, visto che qui il «capote» è la cappa rossa che usano i toreri. A proposito, parlando di «corrida» – che è anche un modo colloquiale per dire «orgasmo» –, in Germania gli spagnoli che passano una notte di follia dovranno tenere calzato il cappello, dato che i tedeschi prendono alla lettera il You can leave your hat on del cantante Joe Cocker : infatti è chiedendo il «Mütze» (letteralmente cappello) che si propone a qualcuno di usare il preservativo.