Cannes: and the winner is…

Articolo pubblicato il 29 maggio 2008
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 29 maggio 2008
C’era tanta gente sul palcoscenico del Festival di Cannes per ricevere la Palma d’oro! E’ in effetti il film di Laurent Cantet, « Entre les murs », che si è aggiudicato il riconoscimento più prestigioso. I venticinque studenti del liceo Françoise Dolto (Paris) non sono mica venuti sulla Croisette per niente.
Uno di loro ha pure confidato alla telecamera di France 2 di essere stato ingaggiato per proseguire un po’ più a lungo il suo piccolo cammino cinematografico.

Naturalmente noi della redazione de La Parisienne non abbiamo avuto la possibilità di vedere il film. Solo l’elite di Cannes ha avuto questo privilegio. Tuttavia, la giuria, presieduta da Sean Penn, ha precisato di aver deciso all’unanimità. In più abbiamo letto qua e là che gli spettatori ridevano durante la proiezione. E questo non è che un buon segno!

Altra ricompensa tricolore: un premio speciale all’attrice Catherine Deneuve per il suo ruolo nell’ultimo film di Arnaud Desplechin (Un Conte de Noël) oltreché per l’intera sua carriera.

Voilà pour les français.

Ah, no, dimenticavo di dire che la Palma d’oro non veniva assegnata ad un film francese dal 1987 (« Sous le soleil de Satan » di Maurice Pialat).

Sarebbe stato un peccato non sottolineare l’evento!

Da Nord a Sud passando per l’Est.

Al palmares troviamo anche il Belgio con « Le Silence de Lorna » dei fratelli Dardennes, premiato per la sua sceneggiatura.

In quanto al Grand Prix, il Gran Premio della Giuria, è stato attribuito a « Gomorra » del cineasta italiano Matteo Garrone.

E pure la Turchia è stata onorata con il premio alla regia assegnato al film di Nuri Bilge Celan, « Les Trois Singes ».

E il Kosovo sotto le luci della ribalta

L’attrice kosovara Arta Dobroshi è stata molto in vista al Festival di Cannes. Ha interpretato il ruolo di una giovane albanese in « Le Silence de Lorna » dei fratelli Dardennes. Abbiamo così abbandonato per qualche giorno le problematiche geopolitiche del piccolo Stato kosovaro per concentrarci sull’entusiasmo e sul sorriso luminoso di questa giovane attrice.

Haude-Marie Thomas

Traduction de Dario Bonazelli