Bucarest- Paris Café

Articolo pubblicato il 21 novembre 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 21 novembre 2007
Oggì, la rete locale delle redazioni di cafébabel arriva alla favolosa cifra di 26. Su una mappa di Europa, fa numerose piccole bocche, sensuali, dapertutto nel vecchio continente. Veramente sexy quest’Europa.

Da poco, grazie alla nuova piattaforma blog, le redazioni sono più che mai presenti, nella vita della rivista : un sacco di pubblicazioni, fotogallery per mostrare le sue prodezze e dei commenti per lo scambio di idee. E questo in tanto lingue quanto possibile. Bello, no ?

Si è bello, ma a Parigi, pensavamo che non fosse abbastanza. Francesi, mai contenti e sempre brontolando ! Non serve a niente essere in 26, se non ci raccogliamo ! Bisogna giocare tutti insieme!

Vero, intanto una piccola competizione tra blog è molto piacevole, ci riccorda il principio di libera concorrenza che prevale in Europa..

Ma non dimentichiamo il libero scambio !

Quindi, è su questo principio che è appena stato concluso tra la redazione di Bucarest e quella di Parigi, il primo partenariato di contenuto nella rete babeliana.

Cosa vuol dire esattamente ?

Che una nuova sezione sta arrivando sulla Parigina : Bucarest-Parigi Café. Potrete trovarci articoli, provenendo dal blog di Bucarest, tradotti nelle lingue della Parigina. E vice versa per la pubblicazione romena. Ci sarà anche un link verso l’articolo orginale.

Qual è l’obiettivo di questo scambio ?

Dare più leggibilità al contenuto di nostri articoli, che anche se trattano dell’attualità europea di nostri paesi, possono interessare altri europei.

Il lettore è una preda difficile da catturare… bisogna adescarlo.

Tentare anche di dare la vita, degli scambi, tra le redazioni locali. Per fare in modo che ci parliamo più di una volta all’anno, durante la tradizionale AG International di Babel.

Per le interrogazioni dei francesi : perchè Bucarest ?

Perchè malgrado l’idea che prevale in Francia, l’Europa non si limita più alla Francia e alla Germania. Adesso siamo 27, e bisognerebbe iniziare a interessarsi a nostri amici dell’Est.

E per vantare un pò il nostro ego francese, non dimentichiamo che la Romania è un paese molto francofilo e che una zona di Bucarest si chiama « Petit Paris ».

Per il momento, si tratta solo si scambiare i nostri articoli, ma chi può dire cosa succederà ?

Jean-Sébastien Lefebvre / Traduzione : Sophie Janod