Blocco di azione gay: dov'è il quartiere LGBT a Parigi?

Articolo pubblicato il 14 novembre 2013
Articolo pubblicato il 14 novembre 2013

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Fin dagli anni 80, omosessuali e lesbiche hanno fatto del Marais uno stendardo della cultura gay. Per quanto tempo, però? Il quartiere Le Marais: dove, quando, come

© roboppy http://www.flickr.com/photos/roboppy/238415410/lightbox/A Parigi , il Marais è (circa) la grande area tra rue Beauborg e la Bastiglia. E' molto molto vasto. Attraversa il terzo e il quarto distretto (arrondissement) di Parigi, ossia tutta la parte della riva destra della Senna. Quartiere o piccolo mondo, il quartiere Marais è attualmente associato alla comunità gay e lesbica della capitale, e forse anche della Francia. Effettivamente, non è che dagli anni '80 che questi ultimi hanno fatto del Marais il loro quartiere prediletto. Prima di allora, altre comunità etniche o religiose, hanno fatto del Marais la loro abitazione.

Il corso della storia è piccolo e rapido: la zona, un tempo paludosa, è stata occupata da ordini religiosi. Tutto cio, nel XII secolo. Una volta riabilitate, sono state prese d'assalto dalla nobiltà parigina. Fiorirono allora hotel particolari e immobili di lusso. Oggi il Marais è prima di tutto un quartiere chic, non accessibile a tutte la tasche... anche se, precedentemente, è stato scelto dalle popolazioni povere per esercitarvi le proprie attività commerciali: ebrei ashkénazi alla fine del XIX secolo e i Cinesi dopo la prima guerra mondiale.

Dalle origini pie... alla rivoluzione lgbt degli anni '80 

© jenlen http://www.flickr.com/photos/jenlen/3283162362/lightbox/Allora, perchè i gay hanno scelto questo quartiere proprio negli anni '80? Forse perchè c'è una lunga storia di ghettizzazione? Poco probabile. Perchè ha molti vantaggi? Certamente. Centrale, unico dal punto di vista architettonico con lei sue piccole vie lastricate, le sue case a traliccio e i suoi monumenti storici: è la vecchia Parigi in tutto il suo splendore. Soprattutto, negli anni '80, il Marais era un quartiere abbordabile. Era in piena rinnovazione. Comprare o affittare per installare bar, ristoranti e altri club era a buon mercato. Non è un cliché: gli omosessuali escono, fanno festa e lanciano spesso mode. Commercio e attivismo tutti i giorni: le origini del Marais che noi conosciamo ora sono là... Comunque, restiamo cauti: alcuni predicono e lamentano che il Marais gay sia sparito in favore di un Marais borghese. E' necessario dire che ora è pieno di belle boutiques e piccoli ristoranti veramente alla moda ma spesso molto costosi. Dentro al Marais, non ci sono studenti ma i "CSP+", ossia le persone oltre i 25 anni che fanno parte delle Categorie Socio-Professionali avvantaggiate, delle famiglie agiate e degli artisti che sono tutto fuorché maledetti. 

Ora, i giovani gay abitano più che altro l'undicesimo o il diciottesimo distretto, più abbordabili e molto più cosmopoliti. Oggi, le Marais non è più il luogo dove vivono prevalentemente gay e lesbiche ma il luogo ideale per divertirsi, uscire e fare incontri, al BHV o nei piccoli ristoranti nella Rue des Archives o Rue Sainte-Croix de la Bretonnerie.