Berlinese e fiero di esserlo: cinque e più motivi per amare Berlino

Articolo pubblicato il 22 gennaio 2013
Articolo pubblicato il 22 gennaio 2013
Tyll Schönemann, ex caporedattore della rivista Stern, fugge da Berlino, città su cui non risparmia critiche amare. Io, francamente, non riesco a spiegarmelo - ma viviamo nella stessa Berlino?

Caro signor Schönemann, lei è stanco. Dei poveri mendicanti in metropolitana, del broncio dei berlinesi e della loro apparente indifferenza, dei pazzi in giro per le strade. Ma non pensa di aver trascurato alcuni piccoli dettagli? Allora glieli elenco io, perché sono sicura che lei li abbia solo dimenticati.

La Berlino casual

In quale altra città potrei andare al lavoro di mattina con i miei tipici vestiti berlinesi, passare la giornata dietro un computer nella mia start-up, la sera all'opera a vedere Lo schiaccianoci e poco dopo a festeggiare al club KaterHolzig, senza dover cambiare d'abito e senza dare mai l'impressione di essere vestita in modo troppo elegante o troppo informale?

La Berlino emozionante

Solo a Berlino è possibile incontrare Quentin Tarantino presso la Ankerklause di Neukölln o viaggiare in metropolitana con un pony. Dove altro ti puoi imbattere all'improvviso in un Open-Air-Rave organizzato all'improvviso, spontaneamente, mentre fai jogging la mattina? In Germania, Berlino è semplicemente la città dove succede sempre qualcosa. Mentre ad Hannover o a Karlsruhe, le perle di tapioca vanno ancora di traverso, il Bubble-Tea-Shop a Berlino si è già convertito in un ristorante di kebab alla frutta. E poi chi ha inaugurato ma moda del Burger-Burrito-Maccheroni (o almeno, chi l'ha affermata con successo)? I berlinesi, naturalmente.

La Berlino rilassante

Nella più verde città d'Europa non c'è niente di più rilassante che passare una tiepida serata estiva al parco o lungo il fiume Sprea. D'inverno si va alla sauna sulla Badeschiff o al cinema Open Air. E questo non per occasioni speciali, è semplicemente sempre così. Berlino è disponibile. Non so quali esperienze vi abbiano spinto, caro signor Schönemann, a fare questa affermazione: "In nessuna città c'è meno spirito solidale". Una volta a Monaco sono svenuta in metropolitana e nessuno se ne è curato. A Berlino sono caduta con la bicicletta più volte. Ogni volta almeno una persona si è fermata e si è preoccupata delle mie condizioni. Dalla mamma con il seggiolino al punk, fino al tassista turco, tutti hanno aspettato che ripartissi per assicurarsi che non mi fossi fatta male.

La Berlino dal potenziale nascosto

Lei sostiene che "la gente viene qui con grandi progetti e poi attraversa la Repubblica col bossolo dell'elemosina". Berlino negli ultimi anni si è evoluta e si è trasformata in una sorta di Silicon Valley tedesca, che attrae la scena StartUp, intellettuale e creativa di tutto il mondo. Non per niente Ashton Kutcher continua a investire grandi quantità di denaro in emergenti compagnie on-line berlinesi.

La Berlino cool

Qui David Bowie se la faceva prima con Iggy Pop, poi con Bianca Jagger e dopo probabilmente con tutti e due insieme, qui ci sono baristi che si chiamano Banana e non riconoscono Pete Doherty e giornalisti che fondano partiti satirici.

La Berlino ricca

Barcellona ha Messi e il mare, noi abbiamo il vecchio ufficio forestale e il Mauerpark. Londra ha la duchessa Kate e il Tower Bridge, noi abbiamo Angela Merkel e il Modersohnbruecke. Se Parigi ha il croissant e la Tour Eiffel, noi abbiamo il Currywurst e la torre della televisione. Non arriviamo forse a competere con Istanbul, ma probabilmente da nessuna parte in Germania ad eccezione di Kotti a Kreuzberg è possibile comprare l'originale Baklava di Gaziantep.

"E se Berlino è vivace, non per questo è vivibile". Qui lei ha frainteso qualcosa, signor Schönemann. Vivibile significa che anche durante la settimana posso stare fuori quanto voglio, senza preoccuparmi degli orari di chiusura. Vivibile significa che nel mezzo di Kreuzberg posso noleggiare una canoa con cui pagaiare fino al Mueggelsee. Vivibile significa che in dieci minuti di strada a piedi posso scegliere tra un ristorante argentino, asiatico, turco, svevo, etiope, italiano o greco. Vivibile significa che anche dopo i 30 anni posso vivere dividendo l'appartamento con amici senza che nessuno lo trovi strano. Vivibile significa che io qui posso fare tutto quello che i miei amici di altre città possono solo sognare: dov'è l'unico corso di rollerdance in Germania? A Berlino. L'unico festival internazionale del cinema in Germania? A Berlino. Dinner-Club, Abriss Party, bar in cui si fuma, la settimana della moda, il Chaos Computer Club, la Popkomm, karaoke all'aria aperta, Schwarzlicht-Minigolf, decadenti parco-giochi con i dinosauri: a Berlino, Berlino, Berlino.

C'è una cosa su cui ha naturalmente ragione, caro signor Schönemann. "Berlino è una tela di fantasie di ogni genere". Proprio così. E che per qualcuno queste fantasie diventino realtà è possibile solo in questa estrosa, meravigliosa città in continuo cambiamento. Non più per lei purtroppo. Stia bene ad Amburgo, Monaco o Beirut. E se si dovesse pentire della sua partenza, non esiti a tornare. Vedrà, Berlino la accoglierà di nuovo a braccia aperte. Perché noi siamo così.

Questo articolo è stato ripreso da cafebabel.com Blog da Berlino.

Foto: copertina (cc)bluecat/flickr; nel testo (cc)mazpho.to/flickr; Video: Pony (cc)Jake Barnhill/YouTube.