«Benvenuti nella Cannes cèca»

Articolo pubblicato il 04 luglio 2005
Articolo pubblicato il 04 luglio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Kryštof Mucha, il direttore esecutivo del Festival cinematografico internazionale di Karlovy Vary, spiega a café babel perché la kermesse ceca è imperdibile

In che modo Karlovy Vary si confronta con altri festival cinematografici europei?

Nonostante facciano parte della stessa categoria non posso paragonarlo a Cannes, Berlino o Venezia, i maggiori festival cinematografici del mondo. Ma Karlovy Vary li segue a ruota. Quello che rende speciale Karlovy Vary è il fatto che si tratta di uno dei festival più rinomati di questo tipo nell’Europa centro-orientale. Abbiamo film e professionisti da Polonia, Ungheria e Slovacchia, e questo ci rende l’evento più importante della regione, anche perché arriviamo fino ad Ucraina e Lettonia. È un’occasione per presentare film e progetti ad acquirenti di Europa occidentale e America, e a rappresentanti di altri festival cinematografici. Se ad esempio un distributore cinematografico francese volesse saperne di più riguardo agli eventi dell’industria cinematografica dell’Europa centro-orientale non deve fare altro che venire a Karlovy Vary.

Il Festival era molto diverso durante il regime comunista?

Il primo Festival cinematografico di Karlovy Vary ebbe luogo nel 1946, il festival di Cannes [del 1948] è nato dopo il nostro. Ma durante il regime comunista dovevamo alternare la sede del Festival con Mosca. Ecco perché quest’anno celebreremo il suo quarantesimo anniversario e non il cinquantanovesimo come dovremmo. Tutti quei festival comunisti erano usati solo come materiale propagandistico. E comunque molta gente, come il regista surrealista spagnolo Luis Buñuel, ne era affascinata. Anche molti americani di sinistra visitavano il festival durante il comunismo. Molta gente interessante ci veniva abitualmente, ma quando il regime comunista cominciò a crollare nessuno visitò più Karlovy Vary. Solo quando l’attore e direttore del festival Jiri Bartoska e il direttore artistico Zaoralova vi presero parte le cose cominciarono a migliorare davvero.

È diventato più facile per Karlovy Vary ottenere finanziamenti europei da quando la Repubblica Ceca è entrata nell’Unione?

Non proprio. Il nostro orientamento non è di mostrare film solo europei, l’unica cosa importante per noi è la qualità e perciò non accediamo a questi finanziamenti. Tuttavia, Viviane Reding, Commissario europeo per l’informazione e i media, verrà a visitarci e cercheremo di cooperare con lei.

In cosa si differenzia il festival di quest’anno dai precedenti?

Sarà ancora più famoso e più bello! Il cinema avrà 320 posti aggiuntivi e quindi ci saranno 1.500 biglietti in più in vendita. Ci saranno molti attori europei, registi interessanti e quest’anno molta gente arriverà dall’America, tra cui Robert Redford e Sharon Stone.

40° Festival cinematografico internazionale di Karlovy Vary

Repubblica Ceca

Dal 1 al 9 July, 2005

http://www.iffkv.cz/?lang=en