Barroso nel paese del Sol Levante

Articolo pubblicato il 01 ottobre 2008
Articolo pubblicato il 01 ottobre 2008

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Incidente diplomatico in Europa dopo la recente elezione di Taro Aso come Primo Ministro del Giappone. Questo e tanto altro nel nostro appuntamento settimanale con le ultime novità da Bruxelles.

Il Giappone ha un nuovo Primo Ministro

Taro Aso entra in carica come Primo Ministro in Giappone dopo il voto del Parlamento il 24 settembre scorso. La Commissione europea non ha aspettato questa data per salutare il nuovo Primo Ministro con un comunicato ufficiale, mandato tre giorni prima dell’elezione. L’ex Ministro degli Esteri Taro era già il grande favorito alla carica, ma certe cose non si dovrebbero fare… Si cade nell’errore diplomatico. Perché? Uno degli altri quattro candidati avrebbe potuto denunciare un’ingerenza da parte dell’Unione europea. Il primo a far notare all’esecutivo europeo il suo errore è stato il quotidiano belga Le Soir. Domenica 28 settembre il porta voce della Commissione, Olivier Drewes, riconosceva «senza dubbio un errore tecnico» che potrebbe provocare un «errore di protocollo». La Commissione ha ritirato il suo comunicato domenica sera, otto ore dopo la pubblicazione, presentando le sue scuse. Un’occasione rara di vedere Barroso rispondere all’attualità.

Parte la missione Ue in Georgia

Al via la missione Ue in Georgia. Image prise par Contando Estrelas / FlickrPiù di 300 osservatori, invece dei 200 inizialmente previsti, saranno impiegati controllare il rispetto del cessate il fuoco. Il personale incaricato della sicurezza e dell’amministrazione sarà soprattutto composto da francesi, italiani e polacchi. La missione verrà poi portata avanti nelle “zone di sicurezza” adiacenti all'Abhasia e all'Ossezia del Sud. Ancora non è possibile sapere se la missione potrà entrare nelle province indipendentiste per verificare la ritirata russa. Questo era uno dei punti non chiariti dell’accordo tra Nicolas Sarkozy e Dimitri Medvedev.