Balkans and Beyond: l'ebook

Articolo pubblicato il 04 aprile 2016
Articolo pubblicato il 04 aprile 2016

Dopo mesi di pazienza e duro lavoro, l'ebook di Balkans&Beyond è finalmente pronto per essere pubblicato. Tutto quello che possiamo dire è che il risultato riflette benissimo lo sforzo straordinario che ha permesso di realizzare questo progetto.

Lo scopo del progetto

Sono passati venticinque anni dall'inizio della guerra di indipendenza negli anni '90. Dal Kosovo al Montenegro, passando per la Bosnia Erzegovina o la Serbia, come appare oggi la società balcanica? Cosa vogliono e sognano le generazioni più giovani? Come vivono? E cosa amano? I giovani sono jugo-nostalgici? Oppure sono più orientati verso l'Europa? Con una forte emigrazione, una vivace scena culturale, le tracce delle varie influenze religiose, le cicatrici visibili della guerra... come i Balcani hanno iniziato a reinventarsi?

Nel tentativo di illustrare l'enorme cambiamento che ha attraversato la regione negli ultimi venticinque anni, e seguendo il successo della precedente edizione Beyond The Curtaincafébabel ha dato vita ad un progetto editoriale intitolato Balkans&Beyond, cofinanziato da cafébabel Berlin e da Allianz Kulturstiftung.

L'ebook

14 talentuosi promettenti giornalisti, fotografi videomaker della regione, hanno lavorato insieme per raccontare la situazione politica, sociale e culturale che caratterizza i Balcani di oggi. Osservandoli da una prospettiva più giovane e multiculturale, l'obiettivo è aprire un dibattito sull'identità ancora incerta dei Balcani occidentali.

Queste storie, sia in formato scritto che multimediale, sono adesso pubblicate in una edizione ebook, in inglese e in tedesco. Dopo di che, il network di cafébabel e i suoi media partner di tutta Europa pubblicheranno online i reportage a maggio 2016. Inoltre, nell'estate 2016 sarà organizzata una mostra fotografica a Berlino.

_

Leggi l'ebook di Balkans&Beyond in inglese.

Leggi l'ebook di Balkans&Beyond in tedesco.

_

Il progetto Balkans&Beyond è finanziato da Allianz Kulturstiftung e Babel Deutschland con il sostegno della rete Babel International.