Auto e equivoci

Articolo pubblicato il 18 ottobre 2006
Articolo pubblicato il 18 ottobre 2006

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

I commenti freudiani sulle automobili e i loro proprietari maschi sono ormai cosa nota. Ma la crescente popolarità dei 4x4 non cessa di stupirmi. Perché mai comprare questi mostri dai consumi scandalosi per poi ritrovarsi intrappolati nel traffico delle capitali europee? Nuove ricerche dimostrano che gli esperti di marketing delle case automobilistiche soffrono della stessa sindrome. La Mitsubishi 4x4 Parejo dovette essere ribattezzata Montero in Spagna perché il nome assomigliava un po’ troppo all’imbarazzante Pajero (masturbazione). Stesso discorso per la Ford Pinto (piccoli genitali), alla quale si ridusse anche la quota di mercato in Brasile. In Germania la Volkswagen scelse di chiamare uno dei suoi modelli Phaeton come l’eroe greco Fetonte, noto per essersi schiantato con il cocchio del padre. Un avvertimento per i giovani automobilisti impazienti: guidate la cara vecchia Mini, è più sicura.