Asessualità: quelli che preferiscono le torte

Articolo pubblicato il 25 ottobre 2011
Articolo pubblicato il 25 ottobre 2011
Dal 23 al 29 ottobre è in programma l'Asexual Awareness Week, che vuole richiamare l'attenzione su un orientamento sessuale ancora poco conosciuto: l'asessualità. Ecco chi sono gli asessuali, come si organizzano in Rete e quali sono i loro simboli.

Viene definito asessuale chi non prova alcun tipo di attrazione sessuale. Al contrario del celibato, nel quale la decisione di condurre una vita di astensione sessuale è del tutto consapevole, l'asessualità rappresenta un orientamento sessuale che non può essere influenzato. L'asessualità dev'essere inoltre distinta dalla paura del sesso causata da esperienze negative o da malattie che influenzano negativamente la sessualità o che rendono impossibile il completamento di atti sessuali. Come in ogni orientamento sessuale non vi è alcuna causa.

L'1% della popolazione è asessuale

Presumibilmente ci sono sempre state persone asessuali, ma si tratta di una bassa percentuale. Secondo uno studio dell'esperto americano Anthony F. Bogaert del 2004 gli asessuali rappresentano l'1% della popolazione. Gli appartenenti a tale minoranza sessuale di solito o non vengono assolutamente notati, o vengono bollati come anormali. Solo Internet ha permesso loro di collegarsi in rete e di acquisire in questo modo più consapevolezza.

©CaptainEvie/deviantart

Nel 2001 lo statunitense David Jay ha fondato l'AVEN, abbreviazione per Asexual Visibility and Education Network. In questo sito vengono raccolte informazioni sull'asessualità; il suo forum offre uno spazio per scambi di esperienze, discussioni e molto altro ancora. Nel corso dell'anno sono nati siti simili in altre lingue, in tedesco, francese, spagnolo e russo. Questi forum rappresentano la più grande comunità asessuale sul web. Esistono tuttavia alternative all'AVEN: negli ultimi anni sono stati creati alcuni blog (per la maggior parte in lingua inglese) e anche su YouTube ci sono diversi canali dedicati al tema, tra cui Hot Pieces of Ace, The Dapper Ace e il canale di Swankivy.

Ma questo non significa di certo che lo scambio di opinioni e i tentativi di avere più visibilità esistano solo sul web. Attraverso i forum, infatti, vengono organizzati regolarmente incontri in varie città, grazie ai quali i partecipanti possono conoscersi di persona. In passato i gruppi di asessuali hanno preso parte in misura più rilevante ai gay pride, tra i quali a San Francisco e a Londra. L'Asexual Awareness Week, organizzata per la prima volta lo scorso anno, ha luogo sia on line, sia off line: gli asessuali vengono chiamati a parlare del loro orientamento e, in questo modo, a farsi conoscere. Inoltre si richiama l'attenzione sul tema da parte dei gruppi LGBT. Quest'anno avranno luogo ancora più manifestazioni, in particolare nelle università degli USA, dove sono in programma proiezioni di (A)sexual, primo documentario sull'asessualità diretto da Angela Tucker.

Le torte sono meglio del sesso

La comunità asessuale, che rende possibili scambi ed incontri, esiste solo da 10 anni, ma è sorprendente vedere quanti simboli e segni di riconoscimento siano già stati creati. Il più vecchio dovrebbe essere un triangolo che sta in piedi sulla punta, e dall'alto al basso diventa sempre più scuro. Si tratta del simbolo ufficiale dell'AVEN, dal quale un membro del forum tedesco ha preso spunto per la creazione di spille che ora vengono indossate da asessuali in Germania.

©CaptainEvie/deviantartA livello internazionale ancora più famoso è un anello nero al dito come segno di riconoscimento. Nel frattempo, da più di un anno esiste addirittura una bandiera ufficiale, per la cui creazione hanno votato membri dei forum da tutto il mondo. Vinse un modello con quattro strisce diagonali in nero, grigio, bianco e violetto. Da quel momento la bandiera è stata spesso esposta in contesti asessuali, e verrà anche usata come logo dell'Asexual Awareness Week. Un altro simbolo asessuale è la torta, virtualmente offerta ai nuovi utenti registrati ai forum. Esiste un'emoticon corrispondente, ma nel forum francese è più diffusa la pubblicazione di foto di torte nei thread di benvenuto. Spesso si scherza esplicitamente sul fatto che le torte siano molto meglio del sesso.

Interessante è anche lo “slang” che si è sviluppato nelle varie lingue; le parole vengono interpretate in maniera differente, o si inventano neologismi. Ad esempio in inglese la parola “ace” (significato originario: asso nel gioco di carte) è stata adottata come abbreviazione e parola codice di “asessuale”, e per questa ragione l'asso è annoverato nella simbologia asessuale. In francese si usano molto semplicemente le iniziali A e S per indicare le persone asessuali e sessuali. Si leggono spesso frasi come “Je suis A”, “ma copine est S” etc. In polacco un uomo asessuale è definito “As”, una donna “Aska”.

©thousandleaf0001/deviantart

La community asessuale è variopinta e variegata, e una cosa è comune a tutti i suoi membri: non vogliono sesso e vogliono che il loro orientamento venga riconosciuto e rispettato. Cosa c'è di male, se preferiscono le torte?

Foto: home-page (cc)Wendy Nelson Photography/flickr; Testo ©CaptainEvie/deviantart; ©thousandleaf0001/deviantart; Video (cc)YouTube