Anni Novanta: la Svezia al top della pop

Articolo pubblicato il 06 agosto 2009
Articolo pubblicato il 06 agosto 2009
Le hit svedesi hanno fatto ballare il mondo intero dal 1989 al 1999. Neneh Cherry, poi suo fratello Eagle Eye, ma anche gli Ace of Base e i Cardigans: ecco una videogallery di quello che la Svezia ha esportato di migliore – e non solo – alla fine del ventesimo secolo. Nostalgia…

Dal 1989 al 1997 - Neneh e Eagle Eye Cherry

Nel 1989, la giovane Neneh Cherry arriva al successo con quella che diventerà la sua prima hit mondiale Buffalo Stance. Neneh è nata in Svezia da genitori americani ed è anche la sorella del musicista Eagle Eye Cherry. Dopo una pausa nelle sua carriera artistica, Neneh Cherry è tornata a calcare i palcoscenici, nel 2006, con il gruppo Cirkus.

Nella famiglia Cherry i successi si accumulano e Eagle Eye non sta certo qui per smentirlo. Save Tonigh è sicuramente il successone di Eagle Eye! Un buon clip, una melodia ben trovata e otterrete la hit del 1997! L’ultimo album di questo cantante risale al 2007, ma quest’ultimo continua a collaborare con altri artisti. Ha, per esempio, registrato un titolo sull’ultimo album di un cantante francese, Gérald de Palmas. 

1992 – Izabella - Shame shame shame

Originaria della Polonia, è in Svezia che la scultorea Izabella ha esordito nella canzone con Shame Shame Shame. La bella bionda in seguito è diventata attrice. La si è vista come James Bond girl, accanto a Pierce Brosnan, in Golden Eye.

1993 – Ace of base - The sign

Originario di Göteborg, il gruppo Ace of Base è composto da Jenny, Linn e Jonas Berggren (fratelli e sorelle) e da Ulf Ekberg. Sin dall’inizio degli anni Novanta, gli Ace of Base accumulano le hit: The Sign, All taht she wants, Happy Nation… Il loro stile è spesso paragonato a quello dei mitici Abba.

1996 – The Cardigans - Lovefool

The Cardigans è un gruppo al 100% svedese. Lovefool è la loro prima hit presente, nell’album First Band on the moon uscito nel 1996. Se The Cardigans sono spariti dal 2005, laloro cantante, Nina Persson, collabora a vari porgetti, tra i quali l’album Dark Night of the soul.

1998 – Emilia - Big big girl

Con una sola canzona, Emilia a fatto cantare il mondo intero. Questa cantante svedese di origine etiopica non avrà, però, lo stesso successo con le sue altre canzoni.

1999 – Andrea Johnsson - Glorious

Questa melodia vi dice qualcosa? Glorious di Andrea Johnson è stata utilizzata nella pubblicità di una famossima crema al cioccolato e nocciole.

1999 – Victoria Silvstedt - Hey Hello

Prima di apparire, nelle vesti della bambolona sexy di turno, nei programmi italiani e francesi (La Ruota della Fortuna), la “playmate” Victoria Silvstedt ha tentato la fortuna come cantante…un vero flop commerciale.