Andriukaitis vuole un sistema sanitario europeo per tutti

Articolo pubblicato il 08 novembre 2015
Articolo pubblicato il 08 novembre 2015

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Durante la sua prima riunione dei Ministri della Salute, il commissario Vytenis Andriukaitis ha specificato i passi ulteriori necessari verso un'Europa efficiente e sana.

Il primo Consiglio dei Ministri della Salute del 1 dicembre è stato il punto di partenza per il Commissario per la salute e la sicurezza alimentare per condividere le sue idee e la sua visione della politica sanitaria nell'UE. In effetti, Andriukaitis pare essere molto pragmatico dato che desidera vedere dei cambiamenti rapidi. “Muoversi in Europa è dato per scontato, perciò dovrebbero esistere dei sistemi che si prendano cura di tutti ovunque essi siano,” ha detto il Commissario al giornale European Voice. Ciò che Andriukaitis propone è un sistema sanitario comune a tutta l'area UE,  in grado di rispondere ai bisogni di ogni cittadino europeo in tutti gli stati membri. Naturalmente l'ex ministro della Lituania è ben consapevole della sovranità nazionale quando si parla di salute e perciò propone una cooperazione avanzata tra gli strati membri. “Voglio lavorare insieme agli altri membri del Parlamento Europeo e con i Primi Ministri e i parlamenti nazionali e tutti gli altri in ballo," ha detto.

Alcune delle sue priorità principali includono l'espansione di meccanismi che siano capaci di promuovere le prestazioni del sistema sanitario negli stati membri, cosicché ci si possa scambiare esperienze, acquisire conoscenze e scoprire procedure migliori. Andriukaitis difende l'idea di una maggiore collaborazione nelle consegne, specialmente quando si parla di distribuzione dei vaccini. “Allo stato attuale, gli stati membri hanno tabelle di marcia diverse per i vaccini. Dovremmo coordinare dei calendari e sviluppare nuovi vaccini". Il Commissario per la salute auspica che le conclusioni del Consiglio che mirano a migliorare la sicurezza e l'innovazione dei dispositivi medici e in vitro siano adottate al più presto nell'UE, così come i sussidi per i pazienti, un tema che per forza di cose porterà alla questione dei prezzi dei prodotti medici. “Accolgo assolutamente con favore il desiderio degli stati membri che la Commissione appoggi lo scambio di informazioni sui prezzi e sulle politiche dei prezzi," ha dichiarato.

Secondo le nuove misure del Consiglio sulla sicurezza dei pazienti e sull'innovazione, i Ministri per la salute hanno chiesto agli stati membri di promuovere l'educazione e la formazione di personale sanitario sul tema della sicurezza dei pazienti, sviluppare trattamenti dei problemi e resoconti sia da parte del personale sanitario che dei pazienti che siano privi di carattere punitivo, rafforzare i programmi di prevenzione delle infezioni, incoraggiare i pazienti e le loro famiglie a esprimere la loro opinione sul trattamento e la velocizzazione delle procedure di valutazione e approvazione per le nuove medicine.

Per quanto riguarda i controversi organismi modificati geneticamente (OGM), Andriukaitis ha intenzione di presentare delle alternative alla revisione della legislazione. Inoltre il Commissario si concentrerà sulla riduzione dello spreco di cibo che considera “inaccettabile in un mondo dove troppe persone hanno fame".