Amici in posti elevati

Articolo pubblicato il 27 luglio 2005
Articolo pubblicato il 27 luglio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Mentre alcune persone basano il proprio successo professionale sul merito e sul duro lavoro solitario, altre ricevono un piccolo aiuto dalla gente giusta al momento giusto. Ma non ricorriamo a quella parola grossolana, «nepotismo», meglio usare un gradevole eufemismo; dopotutto ne esiste un ricco assortimento. In Gran Bretagna, ad esempio, conviene «tirare le corde» e avere «amici in posti elevati». E non stiamo certo dicendo che vengono dalla montagna, esattamente come quando in italiano affermiamo di avere «conoscenze altolocate». Allo stesso modo, un tedesco potrebbe attribuire la sua buona stella al fatto di avere «vitamina B», ma non si riferisce alle sostanze nutrienti: la «B» infatti sta per Beziehungen cioé “contatti”. I francesi, se spinti verso il potere e il profitto materiale più dalle loro relazioni sociali che da reale talento, potrebbero misteriosamente dire di avere «du piston», letteralmente il pistone dei motori. In qualunque modo la vediate, non si tratta di cosa conoscete, ma di chi conoscete.