Alla scoperta dei piatti più bizzarri d'Europa

Articolo pubblicato il 19 giugno 2017
Articolo pubblicato il 19 giugno 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

La gastronomia europea è stata protagonista lo scorso 7 giugno dell'evento "Les 27 dans votre assiette" (I 27 nel piatto), durante il quale i Paesi europei hanno fatto scoprire le loro specialità presso l'Esplanade del Parlamento Europeo. Per l'occasione, vi accompagniamo in un tour europeo dei piatti più strani. Buon appetito! 

Casu Marzu - Sardegna

Il principio del formaggio è la fermentazione. Ma in Sardegna, per essere sicuri che sia veramente a puntino, lo portano all'ultimo stadio aggiungendoci delle larve vive. Risultato: Un formaggio vivo, che si muove da solo grazie al movimento delle larve della "mosca casearia". Precauzioni d'uso: al momento della degustazione, le bestiole possono saltare fuori dal formaggio fino a 15 cm. C'è chi raccomanda quindi l'utilizzo di protezioni per gli occhi. Una specialità che ritroviamo anche in Corsica con il nome di casgiu merzu.

L'Europa legata dal sangue

Grande classico della cucina europea, il sangue si ritrova in tutti i Paesi e sotto qualsiasi forma. In Francia in particolare, lo ritroviamo sotto forma di sanguinaccio nero e nel Regno Unito ci si aggiunge dell'avena per fare il black pudding. In Svezia e in altri paesi nordici, lo si sbatte e lo si frigge in una padella per ottenere una specie di pancake fine e croccante: il Blodplättar. Anche in Finlandia lo amano sotto forma di pancake, ma aggiungono della farina di segala, del latte e della melassa nella preparazione.

Non siete ancora soddisfatti? Ci sono anche delle zuppe di sangue nel menu. Lo si mischia con un po' di carne in Repubblica Ceca per fare la Prdelačka, in Lituania per la Juka e in Polonia per la Czernina. In Portogallo, il sangue è una salsa. Per prima cosa si sgozza un pollo a testa in giù, per non perdere neanche una goccia del sangue che sarà poi utilizzato per far cuocere il riso con dei pezzi di carne dell'animale.

Royal Baby Gaga - Londra

Non è una tradizione, ma non potevo tralasciare questo piatto del disagio. Un'attivista britannica per il diritto ad allattare in pubblico ha avuto l'idea di creare un gelato al latte materno per promuovere la sua causa. Il gelato è stato creato in collaborazione con il gelataio The Licktators nel 2011 con il nome di Baby Gaga, prima di essere vietato. Nel 2015 è stato infine autorizzato. Tempismo perfetto: un altro Royal Baby, la principessa Charlotte, stava per nascere. L'occasione perfetta per rinominare il gelato aggiungendo la qualifica di "Royal". Il latte è donato gratuitamente da alcune madri della regione e i profitti della vendita sono destinati a delle associazioni.

Gelatina di piedi di vacca - Polonia

Tutto è buono del maiale, ma anche della mucca, dalla testa ai piedi, e i polacchi l'hanno ben capito con lo Zimne nogi. Prendete una mucca, tagliatele un piede e fatelo bollire per molte ore con delle spezie. Successivamente, fatelo raffreddare, ricopritelo di gelatina e di un buon strato di grasso. Per variare un po' il gusto, è possibile utilizzare anche il maiale.

Haggis - Scozia

Un articolo sui piatti più strani d'Europa non sarebbe completo senza lo Haggis, specialità scozzese per eccellenza. Laggiù ci si fa esplodere la pancia riempiendo quella delle pecore. Per realizzarlo, si fanno bollire il cuore e il fegato di una pecora prima di tagliarli a pezzetti. Si aggiunge un po' d'avena, poi con il miscuglio si riempie per bene la pancia dell'animale fin quasi a farla scoppiare e si fa cuocere a fuoco lento per 3 ore. Da servire con patate, rape e...ovviamente del whisky.

Il 7 giugno dalle 12.00 alle 18.00 sull'Esplanade del Parlamento Europeo, c'è stato invece l'appuntamento con piatti più "canonici" da tutta Europa. Maggiori informazioni su Facebook.

Bonus

Per (ri)scoprire la gastronomia europea attraverso occhi stranieri, degli americani hanno assaggiato alcuni cibi europei.