" Abbiamo bisogno di piú donne che facciano parte della vita politica dei Balcani"

Articolo pubblicato il 01 luglio 2016
Articolo pubblicato il 01 luglio 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Mimoza Kusari-Lila, 41 anni, é la prima e unica donna sindaco del Kosovo, eletta nel 2013. É stata vice Primo Ministro della Repubblica del Kosovo e Ministro del Commercio e dell' Industria dal 2011 al 2013. Prima di questi incarichi, Kusari-Lila, laureata in economia e facente parte del  settore privato, é stata direttore esecutivo della Camera di Commercio americana in Kosovo.

Balkans & Beyond: Pensa che possa esserci spazio per le donne nella vita politica dei Balcani?

Mimoza Kusari-Lila: Io sono fiduciosa e credo fortemente che ci sia un disperato bisogno per le donne di essere piú presenti e decisive nella vita politica dei paesi facenti parte della regione dei Balcani . Le donne sono ancora sottorappresentate ed hanno grandi possibilitá di migliorare lo scenario politico nei loro rispettivi paesi. Con il graduale incremento della partecipazione delle donne nella vita politica, si puó osservare un altro tipo di  approccio all' influenza politica nella vita quotidiana delle persone.   

Balkans & Beyond: É preoccupata per la discriminazione che le donne subiscono ancora in Kosovo e nell'intera regione dei Balcani? 

Mimoza Kusari-Lila: Sono molto preoccupata riguardo la percezione pubblica delle donne che ricoprono incarichi pubblici, nonostante molti paesi della regione non abbiano leggi discriminatorie; la percezione pubblica é l'unica cosa che é necessario cambiare quando si presentano delle aspettative riguardo il ruolo delle donne in politica. Ogni voltache una donna ricopre una carica  si espone molto e la discussione pubblica tende a focalizzarsi sulla sua debolezza, piuttosto che sulla sua forza ed i suoi valori, mentre non si puó affermare che vi sia lo stesso trattamento per gli uomini in carica. Voglio credere che le donne saranno piú favorevoli all'inserimento di altre donne e questo segnerá un punto di svolta nella percezione pubblica positiva.

Balkans & Beyond: Cosa é per lei il femminismo?

Mimoza Kusari-Lila: Sono una femminista da quando credo che le donne possano svolgere li stessi compiti dell'uomo. Sono una femminista sostenendo altre donne e credendo nella loro capacitá di abbattere muri che si pongono di fronte a loro. Sono una femminista perché credo che senza un ruolo maggiore della donna nella societá, nessuna societá possa andare a vanti. Sono ottimista che i cambiamenti siano avvenuti in maniera coí veloce al giorno d'oggi, piú di quanto avvenisse nel passato quando si affrontavano questioni di genere.  

Balkans & Beyond: Possiamo sapere la sua opinione sull'attuale situazione politica in Kosovo?

Mimoza Kusari-Lila: Quella che stiamo vivendo in questo momento é una delle situazioni piú difficili che abbiamo affrontato dalla fine della guerra del 1999. Il problema sta nella mancanza di soluzioni che i partiti non riescono a trovare per il popolo della Repubblica del Kosovo.  Prendendo in considerazione le arroganti decisioni del governo e le azioni violente come risposta dell' opposizione, vi é una piccola speranza che possa portare ad una  soluzione nelle prossime settimane o mesi. L'attuale situazione  offre una piccola speranza per i problemi socio- economici, ma  in generale l'immagine del Kosovo risulta danneggiata. Un mancato processo di dialogo, in cui i  partiti si possano sedere ad un tavolo di discussione e risolvere le loro divergenze, sta costando molto tanto alla popolazione quanto all'immagine del Kosovo. 

---

Text: Muhamet Hajrullahu 

---

Beyond clichés. Beyond hate. Beyond the past. 25 years after the start of the Balkans War, cafébabel Berlin's Balkans & Beyond editorial project, showcases original stories that beautifully illustrate life and politics in Bosnia, Macedonia, Croatia, Kosovo, Slovenia, Serbia, and Montenegro. It's financed by Allianz Kulturstiftung and Babel Deutschland with moral support from the Babel International network