80 città europee chiedono un cambiamento in Europa

Articolo pubblicato il 11 dicembre 2008
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 11 dicembre 2008
80 azioni in tutta Europa si svolgono simultaneamente alle 12.00 di domani (12 dicembre 2008) nella città e paesi in tutto il continente per chiedere un cambiamento in Europa.

La Gioventù Federalista Europea (JEF Europe) si è mobilitata in oltre 80 città europee per chiedere un vero governo federale per i cittadini d'Europa in grado di attuare a livello europeo politiche ambiziose in campo ecologico, finanziario e sulle questioni della sicurezza.

A Bruxelles gli attivisti si incontreranno al di fuori del Parlamento europeo, a Place Luxembourg alle 12:00, con maschere di grandi figure politiche che sembrano essere addormentate e poi risvegliate da un gigantesco orologio UE.

Al centro della campagna federalista vi è un Manifesto europeo che dovrà essere sostenuto dai candidati al Parlamento europeo nelle prossime elezioni europee del 2009. Il Manifesto può essere letto integralmente sul sito web della campagna: www.itstimeforeurope.eu

Samuele Pii, Presidente della JEF Europe ha dichiarato:

"L'Europa ha bisogno di leadership! Non possiamo avere un’Unione incapace di decidere il proprio futuro".

"Cowen, il primo ministro irlandese, ha definito le condizioni per l'Irlanda per tenere un secondo referendum. Un segno di leadership potrebbe essere quella di accettare tali condizioni e consentire all'Irlanda un secondo referendum per permettere l’entrata in vigore di Lisbona prima della elezioni del Parlamento europeo".

"Le elezioni per il Parlamento europeo senza il Trattato di Lisbona; senza candidati alla Presidenza della Commissione europea, nominati dai partiti politici europei, e senza dibattiti transfrontalieri pubblici sarà una vittoria per le forze nazionaliste e una sconfitta per la generale volontà dei cittadini europei" .

"Il tempo delle soluzioni nazionali alle sfide sovranazionali è finito. È il momento per l'Europa! "

Commentando la campagna, la JEF Europe ha dichiarato: "Il messaggio è chiaro; cambiare o morire".

"L'Unione europea, nella sua attuale forma non è costruita per durare. Abbiamo bisogno di istituzioni solide e di un governo, responsabile di fronte ai cittadini europei ".

"Se le cose non cambiano, la fiducia nelle istituzioni non potrà mai essere ripristinata, l'affluenza alle urne nelle elezioni per il Parlamento europeo continuerà a calare, lo scopo ed il ruolo dell'Unione europea inizierà a essere messa in discussione. Non vi è mai stato un momento migliore per agire di un momento di forte crisi come quello che stiamo vivendo".

Città che partecipano:

Albania: Tirana Austria: Graz and Klagenfurt

Belgium : Brussels , Ghent and Leuven

Bosnia & Herzegovina : Sarajevo

Bulgaria : Sofia

Croatia : Zagreb

Czech Republic : Prague

Denmark: Copenhagen

England: London , Manchester and York

Finland: Helsinki , Jyväskylä and Oulu

France : Bordeaux , Caen , Clermont-Ferrand , Le Havre , Lille , Lyon, Nantes , Nîmes, Paris , Rennes , Strasbourg , and Versailles

Germany: Berlin , Bonn , Bremen , Freiburg, Frankfurt , Hamburg , Münster and Trier

Greece: Athens , Crete , Komotini and Pireas

Hungary: Budapest

Italy : Bologna , Erba, Gorizia, La Spezia , Milan , Pavia , Pescara, Pisa, Prato

Ireland : Dublin

Kosovo: Pristina

Latvia : Riga

Lithuania: Vilnius

Luxembourg: Luxembourg

Macedonia (FYR): Bitola

Malta: La Valletta

Moldova : Chisinau

Montenegro: Podgorica

Netherlands: Amsterdam

Norway: Bergen , Oslo , Stavanger , Tromsø and Trondheim

Poland: Warsaw

Scotland: Edinburgh and Glasgow

Serbia : Niš and Novi Sad

Slovakia: Bratislava

Slovenia : Ljubljana

Spain : Madrid

Sweden : Stockholm and Uppsala

Switzerland: Geneva and Zurich

Wales: Cardiff

United States: New York

Press Contact:

Toni Giugliano (Pan European Action) +44 (0)7756663312

Samuele Pii (Brussels Action) +32 487214010

Email: sg@jef.eu

www.itstimeforeurope.eu