5 immagini per dire Europa

Articolo pubblicato il 21 marzo 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 21 marzo 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Cos'è per te l'Europa? Lo abbiamo chiesto a voi, cari lettori di cafebabel.com. Ecco le cinque immagini selezionate dalla redazione.

: "Zofia, 85 anni. Prigioniera ad Auschwitz, campo di concentramento nazista, fu costretta ai lavori forzati. Alla fine riuscì a scappare in Svizzera, dove incontrò l’amore sposandosi con un altro ex prigioniero dei campi della morte".

La vecchia Europa

foto e testo di Adam Pooga, Strzegom, Polonia

: "Con questa fotografia mi sono reso conto che non ero l’unico turista a Berlino. Le scritte sono di diversi visitatori spagnoli: “Che sbronza ci siamo presi ieri” dice l'uno. E l’altro: “Noi oggi” e “Viva Aragona” (regione spagnola). Il Muro è un frammento superstite del momento più duro per l'Europa, la divisione tra Est e Ovest durante la Guerra Fredda. Ma le persone scrivono “simpatiche stupidaggini”, dimostrando di non avere tempo per la malinconia".

Simbolo del cambiamento

foto e testo di Julio Rodriguez Lavado, Siviglia, Spagna

: "Giovani e nuove fonti di enegia rinnovabile si riuniscono a Eòlica, al Festival Internazionale di Musica e Arte, sotto il sole di Tenerife. Un simbolo per l'avvenire sostenibile del Continente".

Se il futuro è verde

foto e testo di Patricia Guillen González, Tenerife, Spagna

: "L’est europeo rappresenta un possibile futuro per l’Europa. La voglia di andare avanti dei giovani dell’Est ci mostra un’apertura di vedute che ci permette di guardare più in là della nostra piccola Europa occidentale. Nella foto, una rumena che si affaccia dal finestrino di un treno".

Un mondo sconosciuto

foto e testo di Laia Gordi, Barcelona, Spagna

: "L’Europa è una rete. I nodi possono essere di diversi colori, differente tessitura e legati con diversa forza. Ma insieme si rafforzano tra di loro e si uniscono per un obiettivo comune. Nella foto una rete da pesca".

L’unione fa la forza

foto e testo di Adriana Claudia Iacob, Timisoara, Romania