2007, Odissea nell'Ue

Articolo pubblicato il 19 gennaio 2007
Articolo pubblicato il 19 gennaio 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

27 Paesi membri, 27 progetti artistici. On-line sul sito del Goethe Institut. Che accompagna così la presidenza tedesca dell'Ue.

Ulisse superstar. E non pensate al ristorante greco all’angolo. Da oggi l'eroe fa breccia nel web. Nel sito del Goethe Institut ormai Ulisse, col suo nome greco Odisseo, rappresenta «l’Europa che s’interroga su se stessa», come spiegano i responsabili del progetto.

Durante i sei mesi di presidenza tedesca dell'Ue, Ulisse viaggia virtualmente attraverso i 27 Stati membri dell'Ue. Con 27 progetti artistici. Un progetto artistico, selezionato e sovvenzionato dalla celebre istituzione culturale tedesca, viene presentato ad ogni tappa. Un modo per interrogarsi sull’identità dell’Europa e di valorizzare la diversità della scena artistica europea.

Se Berlino val bene una bandiera

Ad oggi sono già due i progetti presenti sul sito. Innanzitutto il film di animazione dell’artista bulgaro Krassimir Tersiev, dalla grafica tridimensionale e multicolor. I personaggi, tutti dell'alta società, fanno il bagno in piscine davanti a case di lusso. Tersiev vuole mostrare la spersonalizzazione della quale è vittima la nostra società, quando gli ambienti nei quali viviamo sono omologati e dettano gli stessi concetti di vita, a tutti e ovunque.

Il secondo progetto reso noto on-line arriva dai portoghesi Noelle Georg e Henrique Neves. Si tratta di un cortometraggio, girato col formato Super 8, che mostra feste di famiglie portoghesi degli anni Settanta e sequenze di interviste di un viaggiatore.

La terza tappa sarà la Germania: Florian Thalhofer e Juliane Henrich hanno immortalato l'uso fatto dai tifosi tedeschi della bandiera nazionale dopo il periodo dei Mondiali.

Nelle prossime settimane Ulisse continuerà a fare tappa in altri Paesi e a incrociare nuovi progetti. Una vera e propria Odissea artistica. Parallelamente sulla scena politica la Presidenza tedesca cercherà di barcamenarsi tra i moderni Scilla e Cariddi, ovvero tra globalizzazione e nazionalismo. E le sirene del Vecchio Continente, chiamate Polonia, Olanda o Francia, cantano già da tempo i loro peana patriottici.

Grazie a questa iniziativa, disponibile in inglese e tedesco, i navigatori del Web potranno soddisfare la loro curiositas artistica. Quanto a Ulisse, alla fine della sua traversata, potrà ritornare ad Itaca. Ma l’Europa riuscirà a concludere la sua Odissea senza naufragi? Questo è tutto da vedere.